fbpx
giovedì, Dicembre 2, 2021

Allerta meteo, sindaci minacciati dAgli studenti sui social

 

Il maltempo di questi giorni ha sollevato polemiche sui social: sindaci nel mirino.

 

 

Oggi, più che mai, i social garantiscono l’espressione delle emozioni. Nel momento in cui si risponde alla domanda “a cosa stai pensando”, spesso accompagnata con una emoticon posta a sottolineare lo stato d’animo, si sta esternando ciò che si prova prima ancora di farlo proprio. C’è accordo nel segnalare come negativi non i vari social network in sé ma l’uso che viene fatto. La scarsa consapevolezza di questi strumenti possono provocare conseguenze davvero gravi. Vomitare critiche e offese è una pratica comune.

Questa volta le “vittime” sono alcuni sindaci i quali sono stati inondati di richieste e commenti, dai toni maleducati e addirittura minacciosi, da parte degli studenti in merito all’allerta meteo. Tra questi c’è Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia che ha deciso di non chiudere gli istituti per consentire ai ragazzi di non perdere altre ore di lezione dopo la lunga esperienza della didattica a distanza.

Una cosa sono le critiche un’altra la mancanza di educazione – dichiara il primo cittadino di Castellammare.

Analoga situazione è avvenuta per il sindaco di Trentola Ducenta (nel Casertano), Michele Apicella, che ha disposto, invece, la chiusura delle scuole per due giorni subendo così altrettante offese.

Qualsiasi decisione amministrativa può essere opinabile, ma nei modi e nei termini opportuni.

 

 

 

Ultime notizie
Notizie correate