CONDIVIDI

Le due giovani donne sono state bloccate e arrestate nel centro meridiana. Arresti anche a Pomigliano e a Nola.

A Casalnuovo i carabinieri della locale tenenza hanno tratto in arresto Anna Trinchillo, 23enne e Angela Capone,26enne, entrambe domiciliate a Caivano in via Falluti, casalinghe e già note alle forze dell’ordine. Le 2 sono state bloccate nel centro commerciale meridiana, nel supermercato “conad”, mentre tentavano di rubare alcolici del valore complessivo di 160 euro, che sono stati recuperati e restituiti al proprietario. Le arrestate sono state sottoposte agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.

A Pomigliano D’Arco i i carabinieri dell’aliquota operativa di Castello di Cisterna hanno tratto in arresto Vittorio Esposito, 18 anni, del luogo, incensurato. Nel corso di un predisposto servizio di osservazione, controllo e pedinamento, i carabinieri hanno notato il giovane spacciare stupefacente a un acquirente, che è stato identificato e segnalato al prefetto. Poi è stato perquisito il 18enne, sulla persona e nel suo domicilio, rinvenendo e sequestrando 7 grammi di marijuana e la somma di 120 euro in denaro contante, ritenuti provento d’attività illecita. L’arrestato è stato tradotto nella casa circondariale di Poggioreale.

A Nola i carabinieri della stazione di Piazzolla di Nola hanno tratto in arresto nel corso di un intervento nel centro commerciale “vulcano buono” Gianfranco La Femmina, 27enne, e Lidia Irene La femmina , 25enne, residenti a San Giuseppe Vesuviano, entrambi responsabili di furto aggravato. i predetti sono stati bloccati da personale preposto alla vigilanza e poi arrestati dai carabinieri mentre tentavano di allontanarsi dopo essersi impossessati di capi di vestiario, profumi, deodoranti e vari prodotti ittici per un valore complessivo di 242 euro. Con più furti consecutivi avevano rubato la merce, che è stata rinvenuta nell’autovettura audi a3 in uso ai due. La merce è stata restituita agli avente diritto e gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.
(Fonte Foto: Rete Internet)