Pollena Trocchia, terminata l’installazione dei giochi inclusivi al Parco Ludico Ricreativo

0
784
Pollena Trocchia, terminata l'installazione dei giochi inclusivi al Parco Ludico Ricreativo

POLLENA TROCCHIA, TERMINATA L’INSTALLAZIONE DEI GIOCHI INCLUSIVI AL PARCO LUDICO RICREATIVO. LE NUOVE GIOSTRINE ARRIVANO GRAZIE A UN FINANZIAMENTO DELLA CITTÀ METROPOLITANA. 

È terminata l’installazione di giochi inclusivi al parco ludico-ricreativo Michele Mauro Sannino, polmone verde del comune di Pollena Trocchia, che si arricchisce dunque di nuove giostrine, adatte a tutti i bambini. Le risorse arrivano da fondi sovracomunali, a seguito della partecipazione del Comune di Pollena Trocchia all’avviso pubblico della Città Metropolitana di Napoli rivolto ai comuni per il finanziamento di progetti di realizzazione ed adeguamento di parchi giochi sul territorio metropolitano. Un avviso pubblico a cui il comune ha partecipato con un’idea progettuale volta a rendere più inclusiva un’area già molto frequentata del territorio cittadino. Nei giorni scorsi, dopo l’installazione dei giochi, sono state anche realizzate le opere a corredo ai fini dell’accessibilità alla nuova area. «Ora che è terminata l’installazione dei giochi inclusivi e gli stessi sono pienamente accessibili tocca a tutti noi cittadini rispettare le nuove strutture, le norme di utilizzo e comportarsi nell’area in maniera sempre consona: solo in questo modo, e non certo spendendo ingenti risorse per la videosorveglianza della zona, potremo godere di giostrine sempre belle, sicure e funzionanti» ha detto l’assessore al patrimonio e alle manutenzioni del comune di Pollena Trocchia, Salvatore Auriemma. «Ancora una volta non ci siamo lasciati sfuggire risorse finanziarie sovracomunali, che in questo caso favoriranno una migliore fruibilità e accessibilità del parco pubblico Michele Mauro Sannino in chiave inclusiva, contribuendo in tal modo al benessere cognitivo, fisico, sociale ed emotivo di bambini e ragazzi con esigenze speciali» ha spiegato Carlo Esposito, sindaco di Pollena Trocchia.

Fonte immagine: rete internet.