CONDIVIDI

Padre Alessio Romano, Rettore del Santuario: “Siano i pellegrini stessi i veri custodi della tradizione, questo è un giorno di devozione preghiera”.

Alle 3 di questa notte le prime squadre di battenti hanno varcato le porte del Santuario di Madonna dell’Arco, accolti dalla comunità Domenicana e dal rettore padre Alessio Romano. Le squadre sfileranno per oltre ventiquattr’ore consecutive, attendendo il loro turno per poi affrontare la navata centrale del Santuario verso il tempietto dove è custodito l’affresco della Madonna dell’Arco.  Negli ultimi anni circa 400mila persone sono arrivate, il Lunedì dell’Angelo, a rendere omaggio alla Vergine. E i protagonisti sono loro, i battenti, nella uniforme tradizionale che risale al 1500, come testimoniano tavolette votive dell’epoca. Vestiti di bianco, con una fascia rossa intorno alla vita ed una azzurra a tracolla sulle spalle, animano il lunedì in Albis con canti, preghiere, manifestazioni di devozione popolare.

Madonna dell’Arco è blindata già da ieri sera, con la sicurezza dell’area – totalmente pedonale fino a quando l’ultima squadra entrerà in chiesa – affidata ai carabinieri al comando del capitano Tommaso Angelone della compagnia di Castello di Cisterna. Niente auto e varchi presidiati dalla polizia municipale. In chiesa, a soccorrere ed assistere i fujenti, ci sono dalle prime ore dell’alba i volontari di Protezione Civile e Croce Rossa.

Tra le prime ad entrare in chiesa, questa notte, una donna che ha varcato la soglia del Santuario da “battente” per la prima volta. «Sono qui al posto di mio padre – ha raccontato al priore – lui è mancato due settimane fa. Entrano in questo luogo ho sentito tanta pace scendere nel mio cuore».

Il pellegrinaggio va avanti dal 1450 e ha carattere votivo e penitenziale. In molti arrivano ancora scalzi, trascinandosi in ginocchio fino all’altare. «Qui si viene per chiedere perdono, per esprimere la propria devozione, ci si fa pellegrini per chiedere a Maria di esaudire le nostre preghiere o per ringraziarla di averle ascoltate – dice padre Alessio Romano – ed è per questo che non si dovrebbe deviare la tradizione, devono essere proprio i pellegrini i veri custodi del significato del pellegrinaggio prendendone coscienza». Si riferisce, il Rettore, a «devianze» ben precise. «Ho chiesto ai pellegrini – spiega – di seguire con attenzione e fiducia quanto le forze dell’ordine indicheranno loro fuori dal Santuario, affinché siano garantiti tranquillità e sicurezza.

Con una lettera, il priore ha poi elencato ogni divieto che tutti avranno l’obbligo di rispettare: «Toselli, statue, bande musicali e fuochi d’artificio devono restare lontani dal Santuario ed è ovvio che alterarsi, inveire contro i responsabili del servizio d’ordine o peggio, bestemmiare, non rientra nello spirito del pellegrinaggio». Assolutamente vietato è anche, senza autorizzazione, scattare foto o fare riprese in chiesa o sostare in Santuario più del dovuto».

Fuori dalla cinta del convento, il solito caos, la piazza di Madonna dell’Arco ridotta a suk dagli ambulanti, venditori di animali – dai conigli alle tartarughe d’acqua fino alle galline – tenuti in condizioni che dovrebbero far rabbrividire animalisti e non. Senza contare le bancarelle che, tolte quelle autorizzate dal Comune e che sono sempre fin troppe – espongono merce visibilmente contraffatta. La cittadella mariana è ostaggio per tutto il giorno, con i commercianti locali che preferiscono chiudere le serrande. L’odore nell’aria si fa acre fin dalle prime ore della notte per gli ambulanti che arrostiscono o friggono cibo da streetfood. La musica neomelodica si mescola alle invocazioni che arrivano dal Santuario. È il Lunedì in Albis al Santuario di Madonna dell’Arco.