CONDIVIDI

Nel giorno in cui si celebra in tutto il Mondo la Giornata della Terra l’Amministrazione comunale di Acerra non può che condividere i temi toccati nell’omelia di Pasqua dal Vescovo, Mons. Antonio Di Donna. Il vice sindaco Cuono Lombardi, infatti, in una nota conferma: «Ringraziamo il nostro Vescovo Di Donna che con le sue parole ha posto di nuovo l’attenzione sulla contrarietà di Acerra contro ogni ipotesi di realizzazione della quarta linea all’inceneritore. Il Presidente della Regione e la sua Giunta abbandonino questa idea e chiediamo per l’ennesima volta anche al Governo, e ai rappresentanti locali nell’esecutivo, di adottare provvedimenti legislativi chiari che impediscano la realizzazione di un’altra linea nell’impianto di Acerra e che vietino ogni ulteriore imposizione sul nostro territorio. L’Amministrazione Lettieri, insieme a tutta la Città, sarà contro questa scellerata e pericolosa scelta politica che ancora una volta scarica sul territorio di Acerra l’ennesima emergenza rifiuti a discapito della sola Comunità che sopporta da anni l’impianto che brucia i rifiuti di tutta la Regione Campania. Il territorio della Città di Acerra ha già pagato tanto». L’Assessore all’Urbanistica Giovanni Di Nardo, inoltre, aggiunge: «Ringraziamo il Vescovo anche per l’attenzione che ha posto sul Piano Urbanistico comunale approvato da questa Giunta e che presto approderà in Consiglio. Il Puc è stato presentato alla Città ed ora è pubblico, siamo alla fase di raccolta di ulteriori osservazioni e suggerimenti con la partecipazione civica entro i termini di legge. Siamo ben lieti che la Diocesi abbia visonato il Puc e ritenga la sua adozione una buona cosa. Attendiamo che anche dalla Diocesi, come da chiunque, adesso giungano le osservazioni da sottoporre ai progettisti che le vaglieranno e magari le accoglieranno, così da unire riflessioni e sogni, alle progettualità per la città».