Home Generali A Ottaviano, “in campo per la vita”, la Nazionali di pallavolo dei...

A Ottaviano, “in campo per la vita”, la Nazionali di pallavolo dei “dializzati” e dei magistrati

95
0
CONDIVIDI

Sabato 13 aprile nel Palazzetto dello Sport di Ottaviano si affronteranno le Nazionali di pallavolo dei “trapiantati” e dei magistrati, in una partita che è il simbolo di molti e importanti valori: la battaglia per la vita, la fede nella speranza, la partecipazione della comunità intera alla lotta contro la malattia, la cultura e la bellezza dello sport. Il ruolo dei giovani di “PuntoG190”.

 

Voglio ricordare, prima di tutto, il lavoro straordinario che la prof.ssa Luisanna Annunziata sta facendo per promuovere, a tutti i livelli, l’attività dell’ANED, l’Associazione Nazionale degli emodializzati. L’opera di sensibilizzazione ha conseguito risultati importanti, come dimostrano il numero degli sponsor ufficiali dell’evento, a partire dal Comune di Ottaviano, e la collaborazione prestata dal reparto di nefrologia dell’Ospedale Santa Maria della Pietà di Nola. Assume un notevole significato la presenza della Nazionale di pallavolo dei magistrati: si riconosce chiaramente allo sport, che resta l’esercizio di un gioco, la capacità di sottolineare l’importanza del diritto alla salute, che è un diritto fondamentale, di rappresentare concretamente i valori della comunicazione e della solidarietà e di ricordare che grandi benefici il paziente “trapiantato” riceve dall’attività fisica.

L’associazione ottavianese di promozione sociale e culturale “PuntoG190” si è lodevolmente impegnata nel collaborare con l’ANED: i giovani dell’associazione domenica 14 organizzeranno, nell’antico chiostro della Casa Comunale, in piazza Municipio una manifestazione che ha il compito di raccogliere fondi per la “Onlus”: anche questa manifestazione (v. locandina in appendice) ha meritato il sostegno di numerosi sponsor. Veramente importante è la decisione dei giovani di “PuntoG190” – la sede dell’associazione è a Ottaviano, in via San Giovanni n.58/60 – di sottolineare pubblicamente l’importanza della donazione degli organi e di informare i cittadini sulle norme che regolano il testamento biologico. Ma di questo aspetto si discuterà più ampiamente, in un prossimo articolo.