fbpx
sabato, Novembre 27, 2021

Portici. Risolta la questione dei 55 Lsu

Il Comune, con gravoso impegno delle proprie risorse, coprirà per tre mesi la spesa degli stipendi dei lavoratori per dare tempo all’Ente Regionale di erogare i dovuti finanziamento ministeriali.

55 lavoratori a rischio, 55 famiglie cui, dopo una lunga maratona, è stato salvato il posto di lavoro. E’ il grande obiettivo raggiunto dall’Amministrazione Cuomo: scongiurare l’interruzione del percorso di stabilizzazione degli Lsu del Comune di Portici, a causa del mancato trasferimento, da parte della Regione Campania, dei fondi relativi alla copertura economica per la seconda annualità, la questione si è risolta oggi. L’Amministrazione comunale, con grande sforzo economico, sopperirà con proprie risorse ai ritardi della Regione.

L’Assessore Risorse Umane, Fernando Farroni, ha commentato: «Come Amministrazione comunale abbiamo fatto la nostra parte, ora sta alla Regione Campania fare la sua. I fondi relativi al percorso di stabilizzazione sono già stati erogati dal Ministero del Lavoro e sono fondi a destinazione vincolata. Con la nostra azione abbiamo scongiurato una tragedia che rischiava di abbattersi su tanti lavoratori e sulle loro famiglie».

Il Sindaco Vincenzo Cuomo, nella qualità di presidente Anci Campania, sottolinea da parte sua che «la problematica sorta a Portici a causa del mancato trasferimento dei fondi da parte della Regione Campania potrebbe presentarsi in tutti i comuni che hanno dato corso a processi di stabilizzazione di tali lavoratori, penso ad esempio ai Comuni di Napoli, Acerra, Cercola.

Nei tempi che corrono, tutti i comuni d’Italia vivono situazioni di difficoltà economica finanziaria a causa dei ritardi sui trasferimenti da parte dello Stato e dell’incertezza relativa agli introiti relativi all’Imu, che viene incassata dallo Stato con una forte incertezza sui tempi di trasferimento della quota parte spettante agli Enti Locali; pertanto,è inverosimile chiedere ai Comuni di anticipare fondi già stanziati dal Governo che si bloccano in Regione per problematiche che non possono, e non devono, danneggiare le situazioni economiche finanziarie dei Comuni stessi».

Ultime notizie
Notizie correate