CONDIVIDI

L’assessore all’Ambiente Franco Santomartino controbatte alle asserzioni dei grillini, spiegando alla cittadinanza le procedure regionali che concernono i prelievi.

Il Movimento 5 Stelle è da qualche tempo che esprime dubbi sull’effettiva balneabilità del litorale della città.
L’assessore Santomartino ha deciso, quindi, di rivolgersi direttamente alla popolazione per spiegare le procedure applicate dall’A.R.P.A.C. (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Campania). Sul litorale che va da Castelvolturno a Punta della Campanella, l’Arpac esegue quattro prelievi in punti prestabiliti; una volta analizzati, i risultati vengono comunicati alla Regione, Ente deputato ad emettere il Decreto di balneazione. Sulla costa porticese i punti di prelievo sono tre: spiaggia delle Mortelle, ex lido Rex, ex lido Aurora.

Nel 2011 solo per quella delle Mortelle fu concessa la balneabilità; per le altre due spiagge, sui quattro prelievi effettuati, solo tre risultarono positivi, e quindi rimasero non balneabili. Infine, nel 2012 sono stati terminati i lavori per l’immissione nel collettore della condotta fognaria di Pietrarsa, il che ha reso possibile emanare il Decreto di balneabilità per tutto il litorale porticese.
L’assessore all’Ambiente Santomartino, esponente dei Verdi-Federazione Alex Langer, ha detto: «E’ stato artatamente creato un clima di sospetto, insinuando che l’Amministrazione comunale abbia agito in malafede, mentre ci siamo attenuti alla normativa vigente. L’Arpac è deputata al controllo del litorale campano: è l’unica agenzia che può certificare la balneabilità.

Abbiamo lavorato anni per ridare il mare ai cittadini, perché la Politica per noi è una cosa seria: siamo e saremo sempre al servizio dei cittadini. Come Verdi, titolari della delega sul mare e sulle spiagge, ci stiamo battendo perché le concessioni demaniali restino affidate esclusivamente al Comune, affinché l’accesso alle spiagge sia pubblico e libero da balzelli. Anzi, pensiamo di affidare, attraverso un bando pubblico, a Cooperative Sociali con soggetti svantaggiati, i servizi della spiaggia relativi al conforto e al ristoro. Questi sono semplicemente i fatti».