fbpx
lunedì, Gennaio 24, 2022

Sant’Anastasia. Detenuto si impicca nella locale caserma dei Carabinieri

A compiere l’estremo gesto Michele Pavone, 29 anni, detenuto nella caserma dei militari dell’arma ed in attesa di essere giudicato con rito direttissimo. Inutili i tentativi di rianimazione dei Carabinieri e dei medici del 118.

Si è impiccato con la sua t-shirt alle prime luci dell’alba nella camera di sicurezza della caserma dei Carabinieri di Sant’Anastasia Michele Pavone, 29 anni, fermato ieri pomeriggio per evasione dagli arresti domiciliari, dove era stato relegato dopo una rapina in un supermercato a Casalnuovo.

La morte dell’uomo è avvenuta, dunque, per auto-soffocamento e del tutto inutili sono stati i tentativi di rianimazione dei militari presenti nella caserma che si sono accorti dell’accaduto durante i controlli e dei medici del 118, sollecitati dai Carabinieri stessi. Il decesso è stato costatato dal medico legale giunto sul posto insieme al pm della Procura di Nola. Il 29enne era stato arrestato perché era evaso dai domiciliari per cercare di trovare refrigerio nella piccola piscina gonfiabile attrezzata in via Romani Costanzi, nei pressi della propria abitazione.

Al momento in cui scriviamo, la stazione dei Carabinieri di via Antonio D’Auria è blindata ed è stata accerchiata da numerosi curiosi che sono giunti sul posto appena appresa la notizia. Restano, intanto, sconosciuti i motivi che abbiano spinto l’uomo a commettere questo gesto estremo.
 

Ultime notizie
Notizie correate