CONDIVIDI

Da troppi anni i cittadini si sentono vessati da un tributo ritenuto ingiusto e ingiustificato: il Pd chiede al sindaco un intervento più “aggressivo” del problema.

Con delibera n° 3 del 29 giugno, la Giunta Comunale, peraltro con l’Assessore Conforti, da quello che risulta con delega allo Sport, già dimissionario per motivi oscuri sui quali sarà indispensabile ritornare, ha approvato la tanto attesa delibera di indirizzi, che individua le prime priorità di governo e le iniziative necessarie per risolverle.
Anche da una lettura superficiale del provvedimento, si comprende che si tratta di un elenco di questioni, per molti versi di titoli, per le quali l’amministrazione si impegna, in modo decisamente generico e burocratico, ad operare, ribadendo gli impegni elettorali assunti coi cittadini. Forse un ennesimo comunicato stampa sarebbe stato più che sufficiente, ma sarà solo l’azione amministrativa concreta che si porrà in essere, a dire se il Sindaco vuole fare sul serio.

In ogni caso, il Partito Democratico registra come tutte queste settimane non siano servite al Sindaco, nonostante dovesse avere un programma, per avere idee più chiare e indicazioni più precise e circostanziate da fornire.
È, per esempio, il caso del Consorzio di Bonifica del Basso Volturno: da troppi anni, infatti, i cittadini si sentono vessati da un tributo ritenuto ingiusto e ingiustificato, sul quale molte campagne elettorali si sono celebrate, tanta demagogia a buon mercato sia stata impiegata e non edificanti pagine amministrative siano state scritte.

Il Partito Democratico ricorda che alcuni anni addietro, il Comune di Acerra, con tanti annunci roboanti, agì in giudizio contro il Consorzio di Bonifica con un ricorso fondato su una presunta mancata pubblicazione del Piano di classifica e una presunta violazione di accesso agli atti, che ovviamente fu dichiarato inammissibile, e forse anche risibile, dal Tar Campania. Nel 2010 il Consiglio Comunale, dopo alcune Commissioni consiliari speciali istituite con la finalità di cancellare questo tributo, approvò un ordine del giorno con la quale si chiedeva alla Giunta della Regione Campania di adottare un nuovo Piano di classifica.

Bisogna essere seri e responsabili. In questi due anni, la Giunta regionale della Campania nella quale l’Udc, il partito del Sindaco, ha un ruolo determinante e decisivo, peraltro con il potentissimo assessore Pasquale Sommese, non ha fatto assolutamente nulla sulla questione, non prendendo neppure in considerazione la richiesta del Consiglio Comunale di Acerra.
Il Partito Democratico chiede, quindi, all’Amministrazione Comunale di Acerra di attivarsi subito, per aggredire definitivamente la questione della legittimità del ruolo del Consorzio di Bonifica del Basso Volturno ad Acerra e non a predisporre qualche altro ricorso inconsistente, utile solo a perdere tempo e a buttare fumo negli occhi dei cittadini.
È il caso che il Sindaco si convinca che la campagna elettorale è finita.