fbpx
venerdì, Dicembre 3, 2021

Vi piacciono tanto i paragoni? Confrontate Dybala e Insigne. E non date per scontato il risultato

Non c’è solo il Pipita: il Napoli che si libera della “bestia nera” Empoli trova in Lorenzo il Magnifico un fuoriclasse

Forse (iniziare un articolo con “forse” non è il massimo, ma in questo caso è indice di prudenza) è giunto il momento, per i tifosi del Napoli, di rompere ogni indugio. Lo scudetto è possibile. Se finisci sotto contro una delle tue bestie nere (l’Empoli sarrianamente allenato da Giampaolo) e riesci a recuperare e vincere, vuol dire che davvero si può. Ed è bene affermarle adesso queste cose, perché nel corso delle prossime due giornate ci toccherà rabbrividire dalla paura: la Lazio, a Roma, senza Allan e Hysaj e la temibilissima Juventus. Siccome, per dirla con Marzullo, “sognare aiuta a vivere meglio”, conviene sognarlo ora il tricolore. Poi si vedrà.

E conviene anche sottolineare che il Napoli di fuoriclasse ne ha almeno due (per tacere di gente come Hamsik, Callejon e l’alcade Reina): uno è Higuain, ma l’altro è Insigne. Lorenzo da Frattamaggiore spesso e volentieri prende per mano la squadra, esegue il suo compito alla perfezione, si fa carico di grosse responsabilità: il rigore contro la Sampdoria, la punizione di ieri contro l’Empoli, per fare due esempi (quella contro il Borussia, per farne tre). Lorenzo Insigne nel corso degli ultimi anni è cresciuto moltissimo e lo ha fatto in condizioni difficili, esponendosi a critiche in una piazza che sa esaltarti ma anche farti molto male. Quando si scrive di Dybala e della sua indubbia classe si tende a paragonarlo ad Higuain. Niente di più sbagliato: Higuain sta su un altro pianeta, Dybala se la gioca con Insigne. E non sempre la spunta

Ultime notizie
Notizie correate