Home Avvenimenti Tra gli arredi del Gambrinus, la saggezza di Huiko

Tra gli arredi del Gambrinus, la saggezza di Huiko

56
0
CONDIVIDI

Le stoffe, le statue, gli specchi e gli storici arredi della sala del Gran Caffè Letterario Gambrinus di Napoli, al tempo frequentato da Giacomo Leopardi, Gabriele D’Annunzio, Ferdinando Russo e altri nomi immortali della nostra cultura, per una sera ha aperto le sue porte all’Oriente. Proprio tra queste sale storiche, da oltre duecento anni, simbolo del prestigio gastronomico del capoluogo partenopeo, la Rogiosi Editore ha voluto presentare la sua ultima pubblicazione Huiko; una storia d’amore, di amicizia e di speranza nata dalla penna dello scrittore campano Mario Volpe.

L’autore, alla sua terza pubblicazione, ci racconta la vita di Andrea, un uomo di mezza età alle prese con improvvise vicissitudini negative della vita, decide di intraprendere un lungo viaggio in una remota regione della Cina per incontrare un maestro Zen, dal qual spera di ricavare l’energia interiore che aveva perduto. Andrea scoprirà un mondo diverso dal suo, dove il silenzio è il più importante dei valori, dove il contatto con la natura e i sentimenti divengono i pilasti portanti per una vita piena ed appagante. Il racconto di Mario Volpe, ricco di colpi di scena e d’intrecci delicati e dalla narrazione fluida, è stato presentato alla folta platea, dalla scrittrice e conduttrice televisiva Antonella Del Giudice che ha catturato l’attenzione del pubblico accompagnandolo tra le atmosfere orientali del libro, una cui copia, autografata dall’autore, resterà nella storica biblioteca del Gambrinus accanto ai giganti della letteratura.