fbpx
giovedì, Gennaio 27, 2022

Somma Vesuviana, “pasticci” politiche sociali: Rianna scrive ai vertici della Regione Campania e ai sindaci dell’ambito 22

Riceviamo e pubblichiamo

 

Rianna scrive alla direzione generale per le Politiche Sociali della Regione Campania e ai Sindaci dell’Ambito 22: “Note spacciate per proroghe, un appalto passa da 87mila a 114mila euro”.

Il consigliere Salvatore Rianna, sui banchi di opposizione a Somma Vesuviana, città capofila dell’Ambito n.22 ha indirizzato una lettera alla dott.ssa Maria Somma (Direzione Generale per le Politiche Sociali e Socio – Sanitarie della Regione Campania) e a tutti i Sindaci dell’Ambito, Salvatore Di Sarno (Somma Vesuviana), Giuseppe Jossa (Marigliano), Pasquale Raimo (San Vitaliano), Aniello Rega (Castello di Cisterna), Giacomo Romano (Brusciano), Arcangelo Russo (Mariglianella), portando alla loro attenzione una vicenda già più volte segnalata, ma non risolta, al responsabile delle Politiche Sociali di Somma Vesuviana e che riguarda il servizio di supporto all’Ufficio di Piano dell’Ambito Territoriale 22. “Il servizio di supporto, assegnato alla cooperativa sociale Parthenope – dichiara Rianna – è stato operativo per 52 settimane, così come era previsto nell’avviso pubblico, dopodiché il servizio è stato interrotto a luglio e sarebbe stato “prorogato” non come una determina così come vivaddio prevede la normativa, bensì con un mero scambio di note. Le determine per garantire alla stessa coop la liquidazione del dovuto però ci sono ovviamente state per  ben 27.071 euro in più rispetto all’affidamento. Appare a dir poco scandaloso che si calpestino, con tale inqualificabile maniera di agire in una Pubblica Amministrazione, non solo le istituzioni ma anche i più elementari elementi di contabilità pubblica”. Ad oggi, gli uffici hanno bloccato i pagamenti, dopo le rimostranze scritte del consigliere Rianna, che aggiunge: «Emulando con scarso successo il generale romano Quinto Fabio Massimo, qualcuno sta cercando di meritarsi l’appellativo di “temporeggiatore” ma tale atteggiamento non risolve la questione e, tra le altre cose, con determina del 10 dicembre scorso si è affidato il servizio di supporto all’Ufficio di Piano alla stessa cooperativa, dunque è ancora più necessario e urgente fare chiarezza, risolvere la vicenda e soprattutto è dirimente che si faccia luce sulle singolari e irrituali procedure adottate, per non dover trovarci domani a prorogare servizi con note o post –it”.
Si allega, al presente Comunicato Stampa, il testo integrale della lettera indirizzata alla dott.ssa Somma e ai Sindaci dell’Ambito Territoriale 22.

Ultime notizie
Notizie correate