Somma, Filippo Russo e Giuseppe Coppola entrano nell’U15 di Roma e Pescara

0
5313

Somma Vesuviana. Filippo Russo e Giuseppe Coppola, due giovanissime promesse del calcio portano il loro talento alle vette più alte e firmano per l’U15 di due grandi squadre del panorama calcistico italiano: Roma e Pescara.

Filippo e Giuseppe sono entrambi originari di Somma. I due ragazzi hanno appena quattordici anni ma, con il loro talento e la passione per il loro sport del cuore, il calcio, stanno già portando in alto il nome della città. Fin da bambini, Filippo e Giuseppe si allenano coltivando il sogno di giocare nelle più importanti competizioni calcistiche. I due giovani sono cresciuti entrambi nella scuola Calcio Progetto Giovani 2006, la quale si trova sia al centro sportivo Casolaro di Somma Vesuviana che al centro sportivo San Vito di Marigliano. In questi primi anni di allenamento sono stati guidati e seguiti dal tecnico Uefa B e insegnante di Scienze Motorie Ciro Iodice e dal direttore Angelo Matrisciano.

Piccoli campioni crescono

Filippo Russo gioca nel ruolo di esterno d’attacco, mentre Giuseppe Coppola è attaccante. Insieme, i due ragazzi hanno disputato un campionato regionale con la scuola calcio Progetto Giovani 2006, approdando alla fase Gold, riservata alle prime 4 classificate, per poi qualificarsi ai playoff. Molto abili in attacco, Filippo e Giuseppe hanno siglato insieme un totale di ben 70 gol.

In particolare, Filippo si è fatto notare per i suoi dribbling in velocità e realizzando gol importanti, con la rappresentativa Campania al blasonato “Torneo delle Sirene” dove partecipano squadre professionistiche italiane e straniere, battendo in finale il Chelsea. Grazie a questa importante opportunità, Russo ha firmato con la U15 della Roma che lo ha voluto fortemente battendo la concorrenza di diverse squadre.

Giuseppe, invece, attaccante dalla tecnica sopraffina, oltre ad essere un goleador è anche assistman, caratteristiche che hanno colpito gli osservatori del Pescara che lo hanno voluto per l’U15. Si tratta di un riconoscimento importante per i due giovanissimi che hanno già la stoffa dei campioni, oltre ad essere motivo di grande orgoglio per la città di Somma.