fbpx
venerdì, Dicembre 3, 2021

La vittoria della Juve ci può stare, ma che tristezza la coreografia coi bustoni della spazzatura!

Allo Juventus Stadium drappi di plastica francamente imbarazzanti, ma bravi i bianconeri a crederci fino in fondo

La coreografia vista sabato sera allo Juventus Stadium resta una delle immagini più tristi mai apparse in un campo sportivo di serie A: migliaia di drappi di plastica bianchi e neri che sembravano bustoni della spazzatura. Uno sventolare incerto, farraginoso. Zero fantasia, zero creatività, poca gioia. Le telecamere di Sky hanno indugiato pochi ma significativi secondi su una bionda e anziana dirigente della Juventus che spesso si vede nei salotti sportivi televisivi: manteneva a fatica il simil – sacchetto dell’immondizia, palesava a stento l’imbarazzo. Così come è francamente imbarazzante (per chi tifa Juventus, ovviamente) questo ostinarsi a cantare ‘O surdato ‘nnammurato, quasi a voler sfottere i napoletani senza rendersi conto che è un autogol clamoroso, un modo per alzare bandiera bianca e ammettere che non c’è (e probabilmente non ci sarà mai) una canzone in grado di rappresentare i colori bianconeri: Oje vita, oje vita mia a chi?
oje core di quale core?

Al netto di queste considerazioni, la Juventus ha battuto il Napoli 1 a 0 e il risultato ci sta tutto. Certo, ci stava anche il pareggio e persino la vittoria azzurra se il tiro di Hamsik fosse finito nello specchio della porta, ma i calciatori bianconeri hanno avuto il merito di crederci di più e Allegri è stato bravo a tenere bassi Insigne e Callejon costringendo Higuain a fare la punta isolata, oltre che ad inserire Zaza, autore del gol: lo avrà fatto per caso o per scelta, ma lo ha fatto. E questo conta, oggi. Conta anche non mollare, perché l’unico risultato che avrebbe chiuso il campionato (e manco questo è sicuro, in verità) sarebbe stata la vittoria del Napoli: più 5 a meno 13 giornate dal termine e tanta, tanta convinzione nei propri mezzi. È quella che si deve ritrovare, anzi non smarrire: la convinzione che il Napoli può ancora dire la sua. Anche perché, se dovesse arrivare il quinto scudetto bianconero, davvero non oseremmo immaginare quale altra squallida coreografia potrebbero inventarsi i gobbi.

Ultime notizie
Notizie correate