fbpx
martedì, Ottobre 19, 2021

Disoccupato “Cub” sulla gru da 24 ore, in sciopero della fame e della sete. La figlia gli scrive: “Papà vorrei stare lì con te”

All’alba di ieri si è messo una maglietta con una scritta più che esplicita, un “vaffa” all’indirizzo dei politici, ed è salito sulla gru del cantiere di ripristino della scuola elementare di piazzale Renella, la «scuola più bella del mondo», chiusa da sette anni per un misterioso dissesto. Giovanni D’Errico, 50 anni, separato, una figlia di 17 anni, si trova da 24 ore al freddo, sulla sommità della struttura d’acciaio. Ha proclamato lo sciopero della fame e della sete. D’Errico è uno dei 1.200 addetti del Consorzio Unico di Bacino, l’ente regionale per la raccolta differenziata, ormai in  liquidazione, che da anni non hanno più una mansione e sono rimasti senza salario. La figlia ha scritto una commovente lettera: «Papà, vorrei stare lassù con te perchè so che la tua vita, la nostra vita, è solo piena di sofferenze». Intanto alcuni colleghi di sventura di D’Errico hanno allestito un gazebo nel centro di Acerra. “Vogliamo un incontro con il presidente della Regione e con il commissario liquidatore del consorzio, Ventriglia”, la richiesta dei senzatutto.

Ultime notizie
Notizie correate