Home Difesa Utenti Ddl Concorrenza e Telefonia, tutte le novità

Ddl Concorrenza e Telefonia, tutte le novità

85
0
CONDIVIDI

Il Ddl Concorrenza e la Telefonia sono intimamente legati. Questo testo, infatti, va a modificare molte disposizioni, tra le quali rientrano anche quelle che si riferiscono alla telefonia, mobile e fissa, e alla tutela del consumatore.

Se ancora non sai nulla in merito al rapporto tra Ddl Concorrenza e Telefonia, ti invitiamo a continuare a leggere per scoprire che cosa è cambiato dopo l’intervento legislativo.

Ddl Concorrenza e Telefonia, tutte le novità

Il Ddl Concorrenza e la telefonia sono correlati, grazie alle diverse modifiche intervenute sul tema soprattutto della tutela del consumatore.

Ecco i punti sui quali il documento è intervenuto:

I costi di dismissione

I costi di dismissione di un’utenza sono spesso stati al centro di polemiche e di richieste di chiarimenti da parte dei consumatori.

Questo perché in molti casi si prevedevano delle sanzioni particolarmente elevate per chi decidesse di recedere o di trasferire un’utenza.

Con il Ddl, invece, si prevede oggi come il trasferimento o il recesso dall’utenza prevedano costi che siano commisurati rispetto al valore del contratto, e anche con riferimento a quelli che sono i costi reali sopportati dall’azienda.

I costi, inoltre, dovranno essere resi noti al consumatore già nel momento in cui questo sottoscriva il contratto, e il costo dovrà essere inviato, con le relative giustificazioni, all’Agcom.

Ogni voce, quindi, dei costi di dismissione dovrà essere specificata e giustificata.

Il recesso

Anche in tema di procedure per il recesso ci sono delle novità. Le modalità di recesso, e anche quelle per il cambio di gestore, dovranno essere semplici e dovranno vedere la disponibilità per l’utente di accedere alle stesse forme utilizzate nel momento dell’attivazione del contratto. Questo significa consentire anche l’accesso al recesso direttamente online, così come per il cambio di gestione.

Non dovrà, quindi, più essere obbligatorio l’utilizzo di mezzi come la raccomandata, l’importante sarà la capacità del consumatore di mostrare una prova dell’avvenuto recesso o del cambio di gestione.

Le penali

Un altro punto dolente di molti contratti telefonici ha riguardato spesso la loro durata, e anche il vincolo al quale venivano sottoposti i consumatori.

Per questo è stato previsto dal Ddl Concorrenza per la telefonia l’impossibilità di prevedere servizi e offerte promozionali di durata superiore ai 24 mesi.

Inoltre, nel caso in cui intervenga la risoluzione anticipata, si applicheranno gli stessi obblighi a livello informativo che riguardano le modalità e i costi per il recesso dal contratto.

I costi, inoltre, dovranno essere equi e dovranno essere commisurati rispetto al valore del contratto. Inoltre, dovranno essere proporzionati rispetto alla durata residua della promozione che sia stata offerta.

Quindi, costi più chiari e penali ridotte, anche nel caso di recesso anticipato o risoluzione anticipata del contratto sottoscritto con una particolare promozione: un grosso passo avanti rispetto al passato.

I servizi non richiesti

I servizi non richiesti, infine, sono stati oggetto di una particolare regolamentazione.

Nel caso in cui vi siano addebiti da parte di terzi, il gestore dovrà acquisire le prove dell’esplicito consenso che sia stato dato, rispetto ai servizi, dal cliente.

Inoltre, è vietata la possibilità di far ricevere al consumatore servizi in abbonamento senza un previo consenso, che sia espresso e documentato.

Questo sia per i servizi attivati da terzi, sia per quelli che siano stati attivati direttamente da parte dell’operatore.

Quindi, l’utente sarà finalmente tutelato rispetto a quelli che saranno i servizi attivati senza il suo consenso, uno degli spauracchi che in modo diffuso riguardavano gli utenti della telefonia.

Questo sia per i servizi attivati da terzi soggetti, come partner commerciali e pubblicitari del gestore, sia direttamente da parte del gestore telefonico al quale il consumatore abbia aderito.

Se vuoi saperne di più, oppure se vuoi essere aggiornato su tutte le novità e gli argomenti legali che possono farti risparmiare o che possono aiutarti ad ottenere dei rimborsi, puoi iscriverti a Difesa Utenti, associazione a tutela dei consumatori.