Sant’Anastasia. U.I.C.I.: i nuovi progetti per il 2013

0
248

“Sport e accessibilità per tutti”, “Il bello di toccare”, “Studiare meglio, studiare di più”: i tre progetti attivati dalla rappresentanza locale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti per persone con handicap visivi.

Anche il 2012 si chiude in positivo per la rappresentanza dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti che fa capo a Giuseppe Fornaro ed il 2013 non sarà da meno. Dal prossimo gennaio, infatti, partiranno ben tre progetti che riusciranno a coinvolgere in più settori le persone con difficoltà visive. Iniziamo da "Sport e accessibilità per tutti. La valorizzazione dell’esistente".

Si tratta di un progetto da svolgere con l’Ambito Territoriale 10 e l’ADS Real Vesuviana ed intende potenziare le opportunità di pratica sportiva per disabili nella provincia di Napoli attraverso determinate e specifiche aree di intervento: promozione di corsi rivolti alla pratica di diverse attività sportive da parte di soggetti diversamente abili; l’acquisto di specifiche attrezzature per la pratica sportiva da parte di portatori di handicap; realizzazione "La Conoscenza dello Sport": incontri settimanali multi-sport per gruppi di disabili; l’avvio di collaborazioni con Associazioni del territorio e non, Enti, Federazioni e Tecnici specializzati nella pratica di attività sportive rivolte a disabili e nel supporto alla loro realizzazione; la promozione di percorsi formativi per la formazione di tecnici specializzati e qualificati nel settore sport & disabilità (maestri, accompagnatori, guide).

I destinatari dell’intervento sono persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale residenti sul territorio provinciale ed extraprovinciale ed il progetto avrà una durata annuale. Gli sport e le discipline interessate alla promozione della pratica da parte dei diversamente abili vengono individuate all’interno di 3 ambienti: terra (con annesse discipline sportive quali corso di tiro con l’arco, torneo e preparazione al campionato di Goalball, torneo di braccio di ferro, corso di Show Down e torneo); acqua (uscite in barca); aria (escursioni guidate per i sentieri naturalistici del Vesuvio).

"Il bello di toccare" è invece un progetto a durata semestrale che prevede visite guidate presso il Museo Archeologico di Napoli, realizzate da guide non vedenti, con l’obiettivo di favorire la fruizione delle opere d’arte a circa un centinaio di minorati della vista. Alla fine del progetto verrà rilasciato ad ogni partecipante un cd audio e/o un’informativa braille contenente la spiegazione di ogni opera visitata e la storia del Museo Archeologico di Napoli. «Anche se in un momento difficile, fortunatamente siamo riusciti ad attivare dei progetti che partiranno dal gennaio 2013 – ha dichiarato Giueppe Fornaro, rappresentante della locale sezione U.I.C.I. – Abbiamo pensato anche ai più giovani con il progetto "Studiare meglio, studiare di più" da svolgere insieme alla Provincia di Napoli e l’Ambito Territoriale N 10».

«Con tale proposta progettuale vogliamo realizzare un’iniziativa pilota atta ad offrire un’occasione formativa per i bambini/ragazzi dagli 8 ai 18 anni sugli strumenti dell’informatica, e a delineare un modello didattico generale e codificabile per l’insegnamento scolastico dei giovani con minorazioni visive attraverso il personal computer – ha chiosato concludendo Fornaro – Il progetto sarà semestrale e può coinvolgere un numero massimo di 10 ragazzi videolesi e gli insegnanti delle scuole identificate come beneficiarie dell’iniziativa. Alla fine del progetto verrà consegnato ad ogni utente un cd con tutti i software trattati durante il corso per la gestione del personal computer».