Home Cronaca Attualità Somma Vesuviana, successo per il Mia Martini Festival, kermesse “corteggiata” da molti...

Somma Vesuviana, successo per il Mia Martini Festival, kermesse “corteggiata” da molti Comuni vesuviani

519
0
CONDIVIDI

Successo e applausi per il Mia Martini Festival. Patrocinio del comune di Somma Vesuviana ma anche di Ottaviano e Sant’Anastasia, realtà che da tempo “corteggiano” l’evento. Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, ha promesso che l’anno venturo il paese sarà migliorato per ospitare più adeguatamente l’evento e accogliere i tantissimi artisti di livello nazionale richiamati dalla kermesse. Di Sarno ha fatto anche un’altra promessa, quella di intitolare finalmente il belvedere di Santa Maria a Castello  – oggi in condizioni di degrado – a Mia Martini. Per ora, in merito al Festival, si è fatto conto sui patrocini – non in grado di coprire tutte le spese – e sui contributi personali di alcuni sponsor , ma anche dei consiglieri comunali di opposizione Salvatore Rianna e Celestino Allocca, nonché dell’ex consigliere comunale Gennaro Bottino.

Sold out, successo, pienone, anche per la quarta edizione del Mia Martini Festival, svoltosi sabato sera al teatro Summarte. Promosso ed  organizzato dall’associazione  Universo di Mimì e curato nei minimi dettagli dal direttore artistico Ciro Castaldo, la kermesse  mira  principalmente ad omaggiare  l’artista Mia Martini e, nel contempo, a valorizzare il buono e del bello del territorio vesuviano e a promuovere giovani  talenti del mondo musicale. Obiettivi tutti pienamente raggiunti se si pensa al teatro Summarte strapieno, alla presenza di musicisti e di noti cantanti a livello nazionale e agli amici e ai fan di Mia Martini, una tra tutte la sorella Olivia Bertè, Gianna Bigazzi, Alba Calia e Luciano Tallarini, e tanti altri  provenienti da ogni parte dell’Italia. La protagonista della serata è stata senz’altro la buona musica, la musica d’autore con l’esibizione del  cantautore e compositore Giovanni Block, dell’artista Mimmo Cavallo, di Alessandra e  Grazia di Michele. La direzione musicale è stata affidata al  Maestro Raffaele Minale che, coadiuvato dai musicisti professionisti della Mia Martini Band, ha accompagnato  dal vivo i cantanti ospiti della manifestazione. Numerosa è sttata la partecipazione di tanti giovani talenti:Giuseppe D’Angelo, Lucrezia Esposito, Nes jay, Chiara Ranieri, Raffaele Giglio, Dario Gay,  Claudia Samele, Veronica Rubino,  , Giovanna Bosco, Simple mood e Maria Ambrosio.

A sorpresa sul palco del Summarte, palco  su cui si è esibita nelle scorse edizioni del festival, Maryam Tancredi, giovane talento sommesse che si è aggiudicata l’edizione 2018 di The Voice of Italy.  Anche se per pochi istanti, Maryam, a cappella, con la sua voce musicale e profonda, ha regalato un piccolo assaggio della canzone “Almeno tu nell’universo…”. Ed è stata standing ovation, come sempre. Nel corso della serata sono stati consegnati i riconoscimenti Disco Mia Martin,  una bella opera dell’artista ceramista Mariolina Vecchione. In platea il vice sindaco Maria Vittoria Di Palma, il consigliere comunale Sergio D’Avino e il sindaco Salvatore Di Sarno. Al primo cittadino è toccata la consegna del disco in ceramica Mia Martini all’artista Grazia Di Michele. “Non conoscevo Ciro Castaldo, ho avuto solo da poco il piacere di conoscere bene Ciro e il suo talento. A lui va il nostro ringraziamento per aver organizzato una così bella e importante manifestazione. Siamo lieti  e onorati di avere a Somma Vesuviana artisti  di così grande calibro e  ai quali chiedo scusa per aver trovato strade dissestate: prometto che per il prossimo anno troverete una Somma ancora più bella e già da ora ci impegniamo affinché il belvedere di Sant Maria a Castello venga finalmente intitolato all’artista Mia Martini” – ha detto il primo cittadino.

Annuncio accolto con un sentito applauso. Ciro Castaldo, ideatore ed esperto della biografia e delle opere e di tutto ciò che ruota intorno all’artista Mia Martini, ha auspicato la riqualificazione tempestiva degli spazi di Santa Maria a Castello e il posizionamento della targa dedicata all’artista “Cosicchè si potrebbe  fare lì la nostra quinta edizione. C’è tutta la volontà- dice Castaldo – di voler restare a Somma, di non portare altrove questa manifestazione”. Possibilità  che pubblicamente il sindaco e poi anche il vice sindaco hanno scartato con forza, rassicurando per un impegno più fattivo e concreto per le prossime edizioni. Il Comune di Somma Vesuviana ha provveduto a impegnare il teatro Summarte . Patrocinio morale e manifesti anche da parte del Comune di Ottaviano, di Brusciano e di Sant’Anastasia, realtà che da tempo “corteggiano” l’evento   Il festival, sostenuto in primis da Ciro Castaldo, ha potuto contare sui seguenti sponsori :La Tipografia Bethel Graphic di Andrea Esposito – Via Roma Somma Vesuviana, Centri Ottici Ranieri di Francesco Ranieri – Corso Umberto I Marigliano, L’Atelier Lombardi di Francesco Lombardi – Via Isonzo Marigliano, Royal car di Luigi Auriemma – Via Marigliano Somma Vesuviana e le libere donazioni del consigliere Salvatore Rianna, del consigliere Celestino Allocca e dell’ex consigliere Gennaro Bottino.

 L’evento  già da due anni gode del riconoscimento di patrocinio morale da parte del Consiglio Regionale della Campania, dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, oltre che del sostegno della Città di Somma Vesuviana e della stima di associazioni legate al territorio come Napoli Cultural Classic, Melagrana, Aurora cultura e Somma Trekking. Videonola e Il mediano.it sono media partner, mentre La Radiazza di Radio Marte di Gianni Simioli è la radio ufficiale del Festival.