fbpx
lunedì, Ottobre 18, 2021

Somma Vesuviana, duplice omicidio a Saviano:indagini a ritmo serrato

Sottoposto a sequestro il centro scommesse di via San Sossio. I carabinieri indagano sulla vita dei due giovani trucidati stanotte da numerosi colpi di pistola a Saviano.Non si esclude nessuna pista.

Francesco Tafuro e Domenico Liguori. Due amici, due soci, due trentenni che su Facebook appaiono belli, spensierati, sorridenti, sportivi. Due giovani pieni di vita e di ambizioni, uniti da un sogno realizzato: gestire, insieme, una sala scommesse. Nessuno,però, avrebbe mai immaginato che in una fredda e piovosa notte di febbraio i due giovani amici trovassero ad attenderli un comune e atroce destino. I loro corpi, nella tarda serata di ieri,in una zona di campagna di Saviano sono stati trovati privi di vita, crivellati da numerosi colpi di pistola. Uccisi in modo spietato, puniti, ancora non si sa per cosa, così come si fa con i criminali più incalliti. Eppure Francesco era incensurato e Domenico, molto conosciuto a Somma, era noto alle forze dell’ordine per una semplice contravvenzione legata al gioco d’azzardo.

Dunque, stando alle prime verifiche fatte dagli investigatori, i due giovani non sarebbero legati alla criminalità organizzata. Sull’episodio indagano i Carabinieri di Nola ,quelli del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna e i militari della locale stazione al comando del Maresciallo Raimondo Semprevivo.La pista più accreditata sarebbe quella di un grosso debito di cui i titolari della sala scommesse sarebbero stati creditori.

Ovviamente, il centro scommesse di via San Sossio gestito dalle due vittime è stato sottoposto a sequestro giudiziario. Intanto da stamattina per le vie della città non si parala d’altro mentre sulla piazza virtuale si moltiplicano i messaggi di cordoglio di tanti amici dei due sfortunati giovani.

 

Ultime notizie
Notizie correate