Home Comunicati Stampa Napoli, presentazione della Agile Community Campania

Napoli, presentazione della Agile Community Campania

885
0
CONDIVIDI

Il giorno 7 Giugno alle ore 16,30 presso il business center “Re.work” al Centro Direzionale si svolgerà un evento rivolto agli sviluppatori software, project leader, IT managers, tester, architetti e coach che hanno esperienze Agile, o che iniziano solo ora ad interessarsi a questi temi. 

L’Agile Community Campania (AC2) è nata lo scorso aprile dalla passione di un gruppo di colleghi della direzione Technological Scouting & Software Development Center allo scopo di promuovere e diffondere in Campania e nel sud Italia la cultura Lean and Agile per lo sviluppo e la gestione dei progetti di sviluppo del software.

Non a caso la community nasce adesso, viviamo in un mondo caratterizzato da connettività costante, dove le interazioni avvengono online in tempo reale e dove ogni secondo vengono inviati enormi quantità di dati attraverso le reti mobili, dove la comunicazione diventa sempre più digitale ed i dispositivi sono intelligenti. Per le compagnie di telecomunicazioni come TIM questo mondo crea sempre nuove sfide.

La spinta competizione tra gli operatori di TLC forza le strategie di business a cambiamenti repentini, spostamenti degli obiettivi, ricerca di vantaggi competitivi riducendo i ltime to market ed il TCO (Total Cost Ownership).

Chiunque abbia la responsabilità di gestire progetti sa bene che tutto ciò si traduce in una complessità sempre crescente: i team di sviluppo oggi devono lavorare in un contesto di estrema incertezza generata da clienti sempre più informati, esigenti e mutevoli.

E’ proprio la mutabilità dei clienti a causare un continuo cambiamento dei requisiti delle tecnologie e degli ambienti a supporto dei progetti i quali necessitano di un’Agilità endogena per sostenere la situazione. In questo scenario, la capacità di adattarsi ai continui cambiamenti è fondamentale per massimizzare il valore generato dai progetti.

Le metodologie Agile e Lean nascono proprio per rispondere a queste sfide: reagire in maniera rapida ed efficace ai cambiamenti. TIM è concretamente impegnata ad agilizzare i suoi processi, passando dal modello predittivo (waterfall) a modelli più agili, caratterizzati dalla capacità di adattarsi rapidamente al mutare della realtà.

La metodologia di Sviluppo Agile, grazie al suo approccio iterativo ed incrementale, consente di ridefinire la direzione in cui deve muoversi il progetto durante l’intero ciclo di vita del software. Un’organizzazione agile è in grado di raggiungere una maggiore produttività perché in grado di migliorare la qualità del lavoro e del prodotto. I metodi Agili sono quelli che aderiscono al Manifesto Agile, pubblicato nel 2001.

La Agile Community Campania vuole essere un luogo dove scambiare idee e condividere esperienze sui metodi Agili applicati allo sviluppo ed alla gestione dei progetti software, soprattutto (ma non solo) in ambienti telco.

Ecco alcune delle attività in programma:

  • Webinar di discussione: sul sito ufficiale sarà disponibile un sistema di voto aperto in cui gli associati potranno proporre e votare gli argomenti più interessanti di cui discutere la volta successiva tramite remote conference;
  • Blog tematici: gli associati saranno invitati a condividere le esperienze ed il proprio know-how, attraverso pillole o post sul blog ufficiale;
  • Question-time: gli associati potranno fare le proprie domande agli esperti direttamente online;
  • Eventi: saranno organizzati eventi pubblici a tema, coinvolgendo esperti ed altre community nazionali e locali, le registrazioni degli eventi saranno rese disponibili on-line agli associati;
  • Formazione: definizione di linee guida per l’auto-formazione in ambito Agile & Lean.

L’evento di presentazione della Agile Community Campania si terrà martedì 7 Giugno 2016 alle ore 16:30 al business center “Re-work” al Centro Direzionale di Napoli.

L’Agile Community Campania è già sul web ed anche su twitter.

La community AC2 si affianca a quella Agile@Work per condividere esperienze sul tema anche con persone di altre realtà aziendali e del mondo della ricerca.