Home Attualità L’Associazione Vesuvius bandisce la VI Edizione del Premio Internazionale Ambasciatore del Sorriso

L’Associazione Vesuvius bandisce la VI Edizione del Premio Internazionale Ambasciatore del Sorriso

52
0
CONDIVIDI

Dopo il tradizionale successo del Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso”, nella splendida cornice del cortile del Maschio Angioino di Napoli, l’organizzazione si trova già al lavoro per la VI edizione.

Il prestigioso Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” è  fondato dall’attore Angelo Iannelli e organizzato dall’Associazione Culturale Vesuvius, in collaborazione con il Comune di Napoli e l’Assessorato Cultura e Turismo. Vista la valenza socio-culturale, vale a dire donare un sorriso ai meno fortunati, il premio cresciuto in maniera vertiginosa negli ultimi anni, vede l’adesione di importanti patrocini morali quali: i Comuni, le Associazioni e le Fondazioni. La finalità dell’ambasciatore del sorriso, l’artista Angelo Iannelli, interprete anche della maschera di Pulcinella, è quella di premiare oltre alle varie sezione in gara, quali la poesia, la pittura, la scultura e la fotografia, gli artisti e le eccellenze che con la propria arte hanno donato un sorriso ai meno fortunati. Per quanto riguarda il regolamento, le opere devono pervenire alla segreteria dell’Associazione Culturale Vesuvius entro e non oltre il mese di Luglio. Vista la valenza socio –culturale il bando è aperto alla partecipazione di tutte le scuole d’italia.

Nelle precedenti edizioni sono stati ricordati: Ciro Esposito, giovane tifoso del Napoli morto per la violenza negli stadi, il cantante Pino Daniele e gli attori, Massimo Troisi e Antonio De Curtis in arte Toto’ e infine Eduardo De Filippo. In questi anni sono stati coinvolti dal giullare del sorriso Iannelli,  tantissime personalità, tanto da risultare tra i migliori eventi a livello nazionale per semplicità, motivazione e organizzazione. La manifestazione negli anni ha visto la partecipazione di artisti provenienti da diverse nazioni come: il Giappone, la Polonia e la Russia, oltre a tantissimi artisti provenienti da diverse regioni dell’Italia.