CONDIVIDI

“Il fronte dell’incendio e la sua rapida diffusione difficilmente fa pensare al destino cinico e baro. Sarà la magistratura a fare luce sui colpevoli ma chiunque sia stato l’incendio del Monte Saretto a Sarno è opera di gente senza scrupoli”. A sottolinearlo in una nota Mariateresa Imparato presidente Legambiente Campania incendio che ieri sera ha colpito Monte Saretto a Sarno.

“Dopo le fiamme, ora è il momento di intervenire nella messa in sicurezza della montagna, intervenire presto e bene. Con l’arrivo delle prime piogge autunnali – aggiunge -, che in seguito anche ai cambiamenti climatici in atto, negli ultimi anni si presentano in modo violento e rapido, la reale preoccupazione é che si possano generare potenziali eventi franosi ancor più visto la mancanza di copertura vegetale distrutta dal fuoco che ha colpito il monte Saretto.Si convochi in tempi brevi un tavolo istituzionale tra Ministero Ambiente ,Regione Campania, comune e protezione civile per mettere in atto tutte le procedure e le azioni per bonificare l’area colpita dalle fiamme e mettere in sicurezza la montagna. Prevenire per tutelare e garantire la sicurezza dei cittadini di Sarno. A partire dalla memoria, dalle immagini e dalla lezione di Sarno di 21 anni fa”.

(fonte foto: fanpage.it)