fbpx
martedì, Ottobre 19, 2021

Il pareggio tra Napoli e Sassuolo delude i tifosi. Ed è subito processo

Gli azzurri non riescono a vincere contro la squadra di Di Francesco e l’esercito degli ipercritici si rimette in marcia

Fermi tutti. Io mi ricordo di voi: voi siete quelli che quando il Napoli vince, magari seppellendo di gol il Bologna in un campionato che interessa praticamente a sei, sette squadre in tutto, dite che gli azzurri sono i dominatori del mondo, che mister Sarri esprime il gioco più bello, che rivali non ce n’è.  Siete quelli che quando la Juventus ha eliminato il Barcellona in Champions League vi siete offesi per i paragoni tra il Napoli e la squadra catalana perché “sì, va bene il tiki taka ma il nostro calcio è un’altra cosa”.

Ma siete pure quelli che avete fatto piangere Insigne una, due, tante volte. L’avete fischiato quando ha sbagliato il rigore contro il Besiktas e gli avete contestato persino il colore dei capelli (che era orrendo, ok, ma erano pure fatti suoi). Ora, però, siete felicissimi per il rinnovo del contratto che lo legherà quasi a vita al Napoli.

E, infine, voi siete quelli che tra De Laurentiis e Sarri scelgono sempre il primo, per una naturale antipatia verso il presidente e perché credete che il mister sia un maestro infallibile. E tuttavia, per un pareggio contro il Sassuolo che poteva essere tranquillamente una  vittoria (e non stiamo qui a dire dell’arbitro), ora allestite il processo sommario e sul banco degli imputati ci mettete proprio l’allenatore toscano nativo di Bagnoli.

Insomma, siete tifosi. Per carità, siamo tifosi. Nessuno si senta escluso. Ma tifare vuol dire non avere razionalità, lucidità, oggettività nell’analisi. E allora accomodiamoci in poltrona davanti alla tv, in tribuna o in curva allo stadio, perché solo lì possiamo stare. Non sul piedistallo.

Ultime notizie
Notizie correate