Home Prima pagina Fiera Vesuviana, bilancio positivo e spazio alla festa delle Lucerne

Fiera Vesuviana, bilancio positivo e spazio alla festa delle Lucerne

310
0
CONDIVIDI

Si chiude domenica il tradizionale appuntamento a San Gennaro Vesuviano

Un bilancio positivo e un pezzettino di storia di Somma Vesuviana: queste le caratteristiche dell’edizione 2018 della Fiera Vesuviana, che come ogni anno si è svolta a San Gennaro Vesuviano negli spazi dell’Istituto Statale “Caravaggio”. Domenica si chiude con l’equitazione: a partire dalle 10 i cavalli, da sempre tra i protagonisti della fiera, si esibiranno in “attacchi in eleganza”. Alle 18, 30 ci sarà la presentazione del libro di Raffaele Urraro, “Gabriele D’Annunzio nel Palazzo dei Medici di Ottaviano” e alle 19 prenderà il via la sagra degli spaghetti con le nocelle e alle 21 “Mister e Miss Fiera Vesuviana, a cura di Carmen Ciniglio e Agostino Stellini.

Ricco anche il programma di sabato, mentre il 19 settembre, giorno della festa di San Gennaro, tra le varie iniziative c’è stata anche la presentazione del volume, a cura di Ciro Raia, “Cultura Millenaria Vesuviana – La Festa delle Lucerne”, edito dai Quaderni Irescol. Si è, dunque, parlato anche di Somma Vesuviana, attraverso uno dei suoi appuntamenti culturali più importanti.

Nata nel XVII secolo, la Fiera Vesuviana è uno degli appuntamenti fieristici più antichi d’Europa si tiene ininterrottamente dal 1613, quando venne fondata dal Marchese Scipione Pignatelli, signore di Palma e Lauro, trasformando in Fiera la festa in onore di San Gennaro. La Fiera Vesuviana di San Gennaro Vesuviano è stata, nei secoli, il più importante momento di scambio commerciale nell’ area interna del Vesuvio. Anche quest’anno c’è stata una buona partecipazione di pubblico e un buon riscontro ai tanti eventi inseriti nel programma.