CONDIVIDI

Il Napoli batte l’Atalanta, Mertens risorge senza essere mai morto, Verdi non farà panchina

Dove eravamo rimasti? Ah, sì: la bestia nera. L’Atalanta delle meraviglie che ogni volta che può batte il Napoli, l’allenatore Gasperini che umilia Sarri, i suoi giocatori che bloccano tutto come fossero macchine in panne sulla tangenziale. E invece ieri la partita delle 12.30 è finita 1 a 0, con una vittoria in trasferta sicuramente difficile, certamente tosta ma non diversa da molte altre giocate (e vinte) quest’anno dagli azzurri. I quali, per la cronaca, avevano vinto contro l’Atalanta anche all’andata e avevano perso in coppa Italia, con una squadra rimaneggiata anziché no. Però la Dea è bestia nera, però Gasperini merita la panchina d’oro. Per carità, sì sì.

Dove eravamo rimasti? Alla crisi di Mertens. Chiaro che se uno ti abitua bene, poi ti aspetti faville ad ogni partita. E non importa se fa gli assist, se si sbatte su tutto il fronte d’attacco, se fa comunque impazzire gli avversari. Vulimm o’ gol! Vulimm o’ gol! Anche Maradona, quando tornò a Napoli più o meno un anno fa, ebbe modo di raccontare la pretesa dei tifosi di vedere sempre una sua rete, anche quando la squadra aveva già messo a sicuro il risultato, anche se Diego nel frattempo aveva fatto segnare più volte i suoi compagni. Vulimm o’ gol! E questo è il tifo. Chest’è.

Dove eravamo rimasti? A Simone Verdi che ha rifiutato il Napoli. Un calciatore di 26 anni, protagonista indiscusso a Bologna (quindi in perenne lotta per la salvezza), esponente (nemmeno di spicco) di una delle nazionali più scarse del mondo, quella italiana (come Insigne? Sì, come Insigne). A Napoli avrebbe fatto la panchina a Callejon: e infatti ha raccontato di aver chiesto consigli a Sepe, che la panchina la conosce bene, e a Tonelli, che invece la panchina manco se la ricorda più visto che sta sempre in tribuna. Poi ha detto no. Non proprio un dramma nazionale, insomma.

Ps: come previsto, la Fiorentina è passata al lato destro della classifica. Ah, se Mertens avesse segnato quel giorno al San Paolo contro i viola!