Cibo, Mente e Ferite dell’Anima: sabato incontro al Teatro Summarte

0
491

Un Focus che mira a sensibilizzare la comunità intera sui Disturbi dell’Alimentazione e della Nutrizione (come Anoressia, Bulimia, Binge Eating Disorder, Disturbi Evitanti e Restrittivi, Pica, Vigoressia, Ortoressia) proprio nel mese in cui ricorre la 12a giornata del fiocchetto lilla

L’età di esordio si sta abbassando, fino ad arrivare a sette/otto anni. In Italia, bulimia e anoressia causano più di 4.000 morti l’anno e, in particolare, quest’ultima rappresenta la seconda causa di morte tra gli adolescenti, dopo gli incidenti stradali. C’è un aumento del 40% dei casi e del 50% dei ricoveri. Ne soffrono 4 milioni di persone, sempre più bambini (tra i 9 e i 12 anni), e sempre più maschi. Quindi è inevitabile che anche le famiglie delle persone che soffrono di disturbi alimentari ne siano coinvolte, e dunque anche gli zii, nonni, fratelli, partner quando parliamo di soggetti più adulti. Quando una persona cara soffre di un disturbo dell’alimentazione sono tantissime le domande, i dubbi che entrano in campo e le dinamiche che si vengono ad instaurare, che necessitano di una risposta da parte dei medici. Bisogna tenere presente che nei disturbi dell’alimentazione più veloce è la diagnosi migliore è la prognosi. Ma, purtroppo, spesso chi ne soffre non chiede aiuto proprio per la caratteristica di questo tipo di disturbi egosintonici. E quindi sono proprio i familiari che si accorgono che qualcosa non va e chiedono aiuto.

I campanelli d’allarme sono molto numerosi, però non sempre è facile capire qual è il confine tra una normale attenzione alla dieta e al corpo che hanno tutti gli adolescenti e l’inizio di una malattia.

Online esiste il sito www.disturbialimentarionline.it dove è indicata la mappa dei servizi specializzati nella cura dei disturbi alimentari in Italia, punto di riferimento molto importante. Il Ministero della Salute ha messo a punto un documento per i familiari che contiene alcune raccomandazioni che spiegano cosa sono, come si curano i disturbi dell‘alimentazione e a chi rivolgersi. Si può uscire da un disturbo alimentare anche se il percorso è molto lungo e faticoso, e richiede grandissimo impegno da parte dei medici, del paziente e dei familiari.

Numerosi gli ospiti che hanno aderito al nostro progetto…

 

Il dott. Walter Milano, endocrinologo e psichiatra, Direttore UOSD per i Disturbi Alimentari ASL Napoli 2 nord presenterà una relazione su “Cibo: dal bisogno alla comunicazione”.

 

Il dott. Sabato Antonio Manzi, psichiatra e psicoterapeuta, ci presenterà lo stato dell’arte dei “I luoghi di cura dei Disturbi Alimentari e la rete sanitaria della Regione Campania”.

La dott.ssa Paola Medde psicologa psicoterapeuta, docente Master Inter-Universitario in “Psicobiologia della nutrizione e del comportamento alimentare” Università di Tor Vergata – Università Campus Bio-medico introdurrà un tema molto importante per i docenti “Parole che curano parole che feriscono: “aiutare“ gli insegnanti “ad aiutare”.

Il prof. Paolo Massa, papà di Artemisia e presidente dell’Associazione Artemisia – una voce per l’Anoressia APS, ci parlerà della sua esperienza ”L’Anoressia per un genitore docente”.

La dott.ssa Ermenegilda Pagano, medico chirurgo, specialista in Medicina Interna e Malattie del Metabolismo, ideatrice e responsabile del progetto RINASCERE, insieme alla  dott.ssa Ilenia Collini, psicologa psicoterapeuta, spiegheranno l’evoluzione del progetto rinascere “Da RINASCERE – Progetto Obesità” nasce “La mente dietro la fame”.

La dott.ssa Carolina Esposito, psicologa psicoterapeuta, rappresentante della Associazione Fanelli onlus di Castellammare di Stabia, introdurrà il tema del progetto: “Dico a te! Percorsi di riabilitazione territoriali sul disagio giovanile”.

Il dott. Leonardo Mendolicchio, psichiatra psicoanalista, Direttore U.O. riabilitazione DAN e U.O. Auxologia Ospedale “San Giuseppe – Piancavallo” – IRCSS Istituto auxologico italiano e responsabile scientifico rete Food For Mind insieme alla dott.ssa Giuseppina Bentivoglio, biologo nutrizionista, responsabile del centro  Food For Mind di Napoli, presenteranno la loro esperienza lombarda riguardo alla “Rete assistenziale DAN sovraregionale dell’Istituto Auxologico Italiano: ricerca, cura e prevenzione”

Avremo il piacere di ascoltare l’esperienza di rinascita di Giorgia Bellini, una delle coraggiose “guerriere dei disturbi dell’alimentazione” autrice di “Nata due Volte” e “Born Twice”  

 A chiudere i lavori sarà il dott. Giuseppe Rauso, presidente di Consult@noi, (associazione di secondo livello a cui appartengono molte associazioni di familiari che in tutta Italia si occupano di Disturbi del Comportamento Alimentare)

Comitato tecnico scientifico:

Dott.ssa Gilda Pagano, medico chirurgo,  Dott.ssa Filomena Castaldo, biologo nutrizionista, Dott.ssa Daniela Feola, psicologa psicoterapeuta, Dott.ssa Tiziana Persico, biologo nutrizionista, Dott.ssa Raffaella Pulente, psicologa psicoterapeuta, Dott.ssa Giuseppina Bentivoglio, biologo nutrizionista, Dott. Angelo Zahora, biologo nutrizionista, Dott.ssa Alessandra Esposito, biologo nutrizionista, Dott.ssa Ilenia Collini psicologa psicoterapeuta, Dott. Gennaro Auriemma, medico chirurgo, specialista in ginecologia e ostetricia, Dott.ssa Irene Rossi odontoiatra specialista in ortodonzia e gnatologia, Dott. Vincenzo Piscitelli, medico chirurgo, specialista in ginecologia e ostetricia, Dott. Oreste Vibrati, medico di medicina generale, Dott.ssa De Falco Roberta, biologo nutrizionista.

Moderatori: Gilda Pagano, Filomena Castaldo, Gennaro Auriemma

Si ringraziano Il Comune di Somma Vesuviana che ha accolto la nostra richiesta di Patrocinio ed utilizzo della sala del Teatro Summarte, l’onorevole Valeria Ciarambino, Vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania per il suo sostegno, l’Ordine dei Medici – Chirurghi ed Odontoiatri di Napoli e provincia, l’Ordine degli Psicologi Regione Campania, la Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare (SISDCA), l’Organizzazione Italiana Disturbi Alimentari (OIDA), l’Ames (Centro Polidiagnostico Strumentale srl) e tutte le Associazioni  Territoriali che hanno creduto nel progetto concedendo il patrocinio morale: APS Jesce Sole, Rotary club Ottaviano, Rotary club Pompei Villa dei Misteri, il Primo, Secondo e Terzo circolo didattico e il Liceo Scientifico – Classico “Evangelista Torricelli” di Somma Vesuviana, Associazione Artemisia – una voce per l’Anoressia APS, Fidapa (BPM Italy) di S. Giuseppe Vesuviano, Fidapa (BPM Italy) di Poggiomarino, Food for Mind, Einstein non sa leggere APS, My Emotion Life APS ed infine tutte le associazioni in rete con l’APS Soma e Psiche per il progetto HUBABILE (Progetto Regione Campania D.D. n 860/2021 – ID 57): APS Annalisa Durante, Associazione Vesuvio Free Minds, Movimento Dehoniano Europeo (MDE), Dialogos APS, Amici Di Peter Pan APS, Orizzonti.

“APS Soma&Psiche”, si è costituita a dicembre del 2017 e si configura come Ente del Terzo Settore che persegue finalità generali di utilità sociale, mirando alla prevenzione ed alla cura del disagio fisico-emotivo-sociale; favorendo l’integrazione nel contesto sociale dei diversamente abili e di persone appartenenti a culture diverse; promuovendo la formazione di cittadini ed operatori socio-sanitari in materia di benessere fisico-psichico-sociale.