CONDIVIDI

A sollevare la questione il consigliere Pone che abbandona l’aula consiliare poco dopo l’inizio del civico consesso. Battibecco tra il sindaco Esposito ed il consigliere Capuano su un parcheggio da realizzare nei pressi del Santuario di Madonna dell’Arco.

Avrebbe dovuto svolgersi in completa serenità il consiglio comunale per discutere i punti posti all’ordine del giorno. L’assise, invece, s’infervora immediatamente: a consiglio già cominciato prendono posto i consiglieri Giovanni Barone e Franco Casagrande (Pd), Paolo Esposito (UdC) ed Eduardo Pone (PdL). Quest’ultimo abbandona l’aula di Palazzo Siano dopo poco tempo: "Parlo in nome di tutta l’opposizione. Ci sentiamo imbavagliati perché non condividiamo la delibera n° 288 del 12/10/2012".

Come si legge dal sito ufficiale del Comune, la delibera in questione intende "dare mandato all’ufficio legale di procedere a presentare querela per offese all’immagine degli amministratori e dipendenti dell’Ente". Tutto parte dal fatto che, come si legge testuale dalla delibera stessa, "quotidianamente sui social network compaiono commenti, foto satiriche ed altro da parte di taluni iscritti, a briglie sciolte sui diversi temi della vita amministrativa cittadina; tali iscritti troppo spesso sembrano travalicare la liceità configurandosi come offese ed insinuazioni ai danni degli amministratori, dei funzionari e dei dipendenti comunali. In molteplici occasioni tali commenti rappresentano insinuazioni non corrispondenti alla verità che possono configurarsi come lesivi della dignità, dell’integrità morale e della professionalità delle predette figure".

Da qui l’esigenza del Comune locale di "far verificare all’avvocatura Comunale, caso per caso, se sussistano i presupposti per procedere a eventuali querele nei confronti dei soggetti coinvolti e, in caso di esito positivo, di procedere senza indugio, costituendosi successivamente parte civile negli eventuali processi penali che dovessero essere instaurate dalla magistratura nei confronti dei soggetti querelati e/o di altri soggetti individuati dai giudici nel caso di indagini". La dichiarazione di Pone fornisce l’assist al consigliere Carmine Capuano che intende "chiarire" alcune cose al sindaco e a tutto il consiglio:

«Mi hanno detto che su Facebook si è parlato di una passeggiata ed uno scambio di idee fra il sindaco ed il consigliere comunale Gammella, durante la quale avrebbero concordato di fare un parcheggio nell’area adiacente al Santuario di Madonna dell’Arco, vicino al parco Boschetto. Io prego il sindaco e il consigliere Gammella di fare due o tre passeggiate al giorno!». In vernacolo napoletano arriva immediata la risposta del sindaco: «Andiamo a passeggiare domattina alle 9.00!». Dopo l’accesa diatriba tra i due, i restanti undici punti posti all’ordine del giorno vengono approvati con i voti contrari dei consiglieri Barone, Casagrande, Esposito e De Filippo.

Il consiglio si conclude con l’intervento dell’ex assessore Felice Manfellotto sulla chiusura del cimitero di un giorno settimanale (il martedì) ed afferma che "anche in quel giorno verranno assicurate le sepolture dei defunti".