fbpx
lunedì, Maggio 23, 2022

Portici. Il Maestro Roberto De Simone a Villa Savonarola

Presentato il Centro Musicologico ed Etnomusicologico “Carlo Gesualdo”, diretto da De Simone e Mariano Bauduin.

Martedì 23 ottobre a villa Savonarola si è svolta la presentazione del Centro Musicale diretto da Roberto De Simone e Mariano Bauduin. Alla conferenza erano presenti il sindaco Cuomo, il vicesindaco Provitera e l’ass. ai LL.PP. Frosina.

Intitolare il Centro Musicologico ed Etnomusicologico a Carlo Gesualdo da Venosa, su progetto di De Simone, organizzazione ed elaborazione di Mariano Bauduin, è stato molto significativo, in un anno, il 2013, dove si celebrano tre grandi della musica: Wagner, Verdi e lo stesso Gesualdo, di cui ricorrono i 400 anni dalla morte. Carlo Gesualdo è l’espressione della grandezza musicale di Napoli, già in epoca del vicereame spagnolo; grande quanto Claudio Monteverdi, anche se sotto aspetti diversi, è più che altro conosciuto per un triste fatto di sangue in cui venne coinvolto, e su cui il Maestro de Simone cerca di far luce nel suo ultimo libro, di prossima uscita.

Invece, Gesualdo andrebbe ricordato come grande musicologo; Roberto De Simone, propone, partendo dai suoi studi sulla vocalità, un centro di ricerca e di sviluppo che avrà rapporti con gli altri centri internazionali, con corsi specifici e con docenti di grande prestigio. I corsi di alto perfezionamento che, per il momento, si terranno nella sede di Villa Savonarola sono rivolti ad artisti del settore, e sono: Masterclass in Vocalità e Gesto del ‘700 Napoletano, in quattro distinte sezioni rivolte a voci Soprano, Mezzo Soprano, Tenore e Basso Buffo; Musical, Canto Jazz e Poliritmia. Gli artisti saranno selezionati attraverso appositi bandi.

In futuro sono in programma ancora altri corsi che andranno ad arricchire il Centro Musicologico ed Etnomusicologico, una scuola di alta formazione, vanto dell’Italia in campo mondiale. Inoltre, si sta allestendo un museo con i pezzi provenienti dal ricchissimo Fondo De Simone. Dopo i saluti delle autorità presenti, il Maestro De Simone è intervenuto, a dir poco contrariato, su un manifesto a firma S.E.L. (Sinistra, Ecologia e Libertà), che ha definito il Centro Musicologico “Carlo Gesualdo” una scuola di canto; ha esordito dicendo:

«Non so se iniziare parlando del programma del Centro, o partire da questo manifesto, che, in maniera perlomeno offensiva nei miei riguardi, denuncia alcune cose rivolgendosi in una maniera assurda ad una persona (il sindaco Cuomo, ndr.) che ha ricevuto riconoscimenti da chiunque. Riferendosi al Centro, lo definiscono una scuola di canto. Io sarei il direttore di una scuola di canto! E mi meraviglia che ci sia la firma si Sel, del partito di Vendola. A parte il fatto che si tratta di una sinistra putrefatta ed ormai fuori uso, che ha tradito qualsiasi Idea di sinistra. Coloro che hanno firmato questo manifesto sono persone che fanno politica per i loro interessi. Io mi sento oltraggiato: questa non è una scuola di canto, ma una serie di operazioni che coinvolgono me, un artista che ha dato conto di sé per un vita, alla nazione e al mondo intero».

«Perché, lasciatemelo dire: mi ritengo un artista unico, geniale nell’aver messo in luce il conflitto tra oralità della musica e scrittura. Ed è su questa strada, che è internazionale ed assolutamente innovativa per il campo culturale in cui mi muovo; perciò mi offende profondamente sentirla definire scuola di canto – ha chiosato De Simone – Il mio campo è la vocalità, che è rappresentata proprio da Carlo Gesualdo da Venosa». Il Maestro De Simone hai, poi, proseguito la conferenza, quasi rapito dal parlare dei suoi amati studi musicologici, con una lunga e appassionante conversazione.

L’incontro è stato concluso da Mariano Bauduin, che ha dato particolari sulle attività del Centro Musicologico ed Etnomusicologico “Carlo Gesualdo”, preannunciando ulteriori progetti e attività che, nell’arco di sei anni, saranno parte dell’iniziativa. In ultimo, ha dato appuntamento a gennaio per l’inaugurazione della scuola di alta formazione.

Ultime notizie
Notizie correate