CONDIVIDI

I social sono diventati, ormai da molti anni, dei contenitori variegati e senza fondo, nei quali scaricare, senza alcuna differenziazione, tutti i contenuti, più o meno elaborati, del “pensiero umano”.

Evidentemente il loro successo è proprio questo, cioè un uso smodato e infinito e una attitudine ad accogliere tutto e il contrario di tutto, senza veli, filtri e, soprattutto, senza alcuna responsabilità.

All’inizio la diffusione di queste “esternazioni volontarie cerebrali” era attuata solo ed esclusivamente con la tastiera, attraverso le parole.

Oggi, invece, si sono diffusi gli “auto video”, a volte girati anche in auto, che potremmo definire delle vere e proprie performance artistiche di “attori”, improvvisati o di lungo corso.

E così il popolo della rete è costretto ad assistere, vuoi per curiosità, vuoi anche involontariamente, a queste “recite”, fatte con la funzione selfie degli smartphone, che diventano dei veri e propri “Autoritratti”.

A volte questi “autoritratti” non restano fini a se stessi, in quanto solo ed esclusivamente “improvvisate opere pittoriche”, ma diventano dei veri e propri ausili culturali, cioè dei mezzi utili a diffondere la cultura al popolo della Rete, e di conseguenza ai cittadini.

E’ questo il caso dell’Auto-Video girato e messo in Rete da un “Neo-Assessore” del Comune di Volla, la cui performance pare abbia ottenuto, addirittura, dal Ministero delle Attività Culturali, l’etichetta di “Prodotto Culturalmente Rilevante” e pertanto meritevole di diffusione, perfino nelle istituzioni scolastiche.

Non vogliamo entrare nei dettagli dei contenuti di questo “Elevato Contributo Artistico-Culturale”, frutto di esternazioni gratuite e volontarie, vogliamo sono ricordare al “Neo-Assessore” del Comune di Volla che alle ultime elezioni politiche (4 marzo 2018) 8.533 cittadini Vollesi hanno scelto di votare liberamente i destinatari dei suoi insulti.

Per gli attivisti del M5S, e non solo, infatti, il “Neo-Assessore”, nonostante la sua notevole caratura culturale, frutto evidentemente della sua formazione liceale e universitaria e dei suoi natali, non può rappresentare Volla, soprattutto non può rappresentare tutti quelli che a marzo hanno scelto e votato il Movimento 5 Stelle.

Infatti, essi, pur ringraziando in maniera particolare il Neo Sindaco e i Consiglieri Comunali che hanno sostenuto la nomina di questo “Neo-Assessore”, attraverso il portavoce in Consiglio Comunale all’ultimo consiglio comunale del settembre scorso, hanno proposto una mozione di sfiducia (che non è stata accettata dal presidente del consiglio “per un fatto tecnico” ndr) nei confronti del neo-assessore, credendo, metaforicamente parlando “… che sia giunto il momento di far accomodare questo “Signore” fuori dalle mura di cinta della nostra città …” .

Qui ilIMG_4568 “famoso” video “L’autoritratto dell’Assessore”.