CONDIVIDI

Donna sempre solo concentrata sul lavoro, ha visto succedere ben 11 sindaci – oltre a 6 commissari prefettizi – dal compianto Comm. Francesco De Siervo all’attuale Sindaco Salvatore Di Sarno

 

Domani, 1 giugno 2018, dopo ben 42 anni, Giovanna Feola, impiegata del Municipio di Somma Vesuviana, si congederà dal lavoro per andare in pensione. Era entrata in servizio il 22 luglio 1976, in un’epoca quando ancora si usavano le macchine da scrivere e le calcolatrici. Da allora ha svolto numerosi e svariati incarichi comunali: segreteria generale del Sindaco, segreteria tecnica, ufficio anagrafe, ufficio commercio, ufficio tributi, ufficio protocollo e ufficio ragioneria. Donna sempre solo concentrata sul lavoro, ha visto succedere ben 11 sindaci – oltre a 6 commissari prefettizi – dal compianto Comm. Francesco De Siervo all’attuale Sindaco Salvatore Di Sarno. Proveniva da un’antica famiglia di possidenti da sempre al servizio dell’Istituzione cittadina: il decurione e Sindaco Aniello Feola, suo quinsavolo, era già documentato a Somma nel 1806.  Il padre Enrico, la zia Stella e il fratello Mario furono anche loro  apprezzati dipendenti pubblici in servizio presso il Municipio di Somma; mentre, un altro fratello, Padre Leopoldo dell’ Ordine della SS. Trinità, ha impegnato la sua vita al bene degli altri come missionario.  Giovanna Feola, nella sua lunga carriera, ha operato ininterrottamente con grande senso del dovere e dedizione, mettendo al primo posto il servizio ai cittadini. Iscritta al Coordinamento Donne della Cisl di Napoli, ha sempre sostenuto il principio della salvaguardia di parità e non discriminazione uomo- donna, e la cultura della non violenza. Per venti anni ha aderito con passione all’ Associazione Volontari Ospedalieri con sede al Monaldi di Napoli. Ora in pensione si dedicherà ai suoi hobbies tra i quali: i libri, la cucina, la musica, i fiori e il mare.