Home Memoria e Presenza Pollena Trocchia, anche il restauro della lapide di Donizetti tra gli obiettivi...

Pollena Trocchia, anche il restauro della lapide di Donizetti tra gli obiettivi di «Dai Successi alle Speranze»

398
0
CONDIVIDI

Il castello Santa Caterina dei F.lli Leonessa ospiterà la V Edizione della kermesse, quest’anno dedicata al restauro della lapide commemorativa del Maestro Gaetano Donizetti nell’antico borgo Trocchia.

 

Giovedi 18 ottobre a partire dalle ore 18:45 presso il sontuoso Castello Santa Caterina a Pollena Trocchia si terrà la quinta edizione della manifestazione Dai successi alle speranze, organizzata dal Club House Artisti in collaborazione con la Pro Loco Pollena Trocchia, il Lions Club di Sant’ Anastasia Monte Somma, l’Accademia della musica partenopea Luigi Paduano  e con il patrocinio morale della Municipalità di Pollena Trocchia. Presenta Gabriele Ottaiano. Sarà l’occasione per offrire ai giovani musicisti uno spazio che crei occasioni di incontro e di confronto. L’ evento ospiterà l’orchestra giovanile Orpheus dei maestri Luigi Fichera e Pasquale Mormile. Il complesso orchestrale sarà accompagnata dalle splendide voci del coro Modigliani Senior diretto dal M°Gabriele Ottaiano e della Corale polifonica Domini Cantus diretta dal M° Cinzia D’Ambrosio. La manifestazione si aprirà con i tradizionali canti all’ombra del Vesuvio dei Napoliextracomunitaria: un gruppo musicale e culturale del mondo popolare tradizionale ed attuale dell’entroterra vesuviano, attivo dal 1995, che nel corso degli anni ha raccolto continue affermazioni in importanti festival in Italia e all’estero, riproponendo fronne, filastrocche, canti e tammurrriate. Tra gli artisti presenti: Lucio Catavèro, basso e voce; Antonio De Falco, chitarra; Raffaele Del Prete, batteria; Lorenzo De Michele, tastiere; Francesco Di Maio, sassofono; Pasquale Terracciano, voce, tammorra e strumenti popolari. Prevista, inoltre, una mostra di alcune opere di Girolamo Malfi, pittore di Pomigliano d’Arco, conosciuto su tutto il territorio regionale che omaggerà una sua opera per una lotteria il cui ricavato andrà finalizzato al restauro della lapide di Gaetano Donizetti distrutta da ignoti il 31 marzo del 2017. Il maestro bergamasco, come ben sappiamo, soggiornò più volte nell’antico borgo di Trocchia, ospite del duca Ferdinando Capece Minutolo. La tradizione ci riferisce che il maestro era solito fare lunghe passeggiate attraverso un sentiero che conduceva in un podere La Vigna e sedersi su di un masso di pietra lavica, all’ombra di un maestoso ulivo dove traeva l’ispirazione per le sue opere. In  questo luogo il conte Ambrogio Caracciolo di Torchiarolo fece apporre la lapide commemorativa nel 1911.