Home Attualità “Non restare indifferente”, per l’8 marzo l’iniziativa proposta a Volla dall’Officina delle...

“Non restare indifferente”, per l’8 marzo l’iniziativa proposta a Volla dall’Officina delle Idee

19
0
CONDIVIDI

L’8 marzo è una data simbolica che permette di sottolineare, ancora una volta, quanto sia
importante non voltarsi dall’altra parte quando ci troviamo dinanzi ad un caso di violenza.
L’Associazione “Officina Delle Idee” guidata da Rosa Praticò, con la collaborazione di AEG
Pubblicità e l’agenzia iLike Communication, ha deciso di scendere in campo con un
messaggio forte e chiaro: #NONRESTAREINDIFFERENTE.
Non servono numeri, statistiche o menzionare casi di cronaca nera dove al centro ci sono
atroci femminicidi. È una questione culturale che va curata e annientata, per farlo serve
l’aiuto di tutti: uomini e donne. L’indifferenza è il primo nemico da abbattere ma anche
sollevare lo sguardo dai cellulari e parlare cuore a cuore con le persone che ci circondano
per poter essere un sostegno, una spalla su cui piangere, un amico/a che possa non far
sentire sola chi ha bisogno di risollevarsi.
È importante non far finta che la violenza non esista e un punto fondamentale di questo
aspetto lo rivestono le donne stesse: è lì la chiave della grande rivoluzione già in atto, ma in questo difficile cammino di rinascita, non dobbiamo far sentire le donne sole. “Officina
Delle Idee”, AEG e iLike hanno creato in sinergia una locandina con una citazione di
William Shakespeare che girerà per tutta la città di Volla grazie alla collaborazione dei
commercianti del posto e finalizzata a sensibilizzare i cittadini. La violenza va denunciata
sempre ed esistono molte associazioni pronte a prendersi cura di chi decide di percorrere
questo cammino come Mai Più Violenza Infinita (www.maipiuviolenzainfinita.it).
“Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subito, per il suo
corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le ali che le avete tagliato, per tutto questo: in piedi, Signori, davanti a una Donna!”.