Itis di Pomigliano assalito dai ratti: studenti in sciopero. Protesta davanti all’asl

0
2316
Pomigliano, la protesta degli studenti dell'Itis contro la presenza dei topi in classe
Pomigliano, la protesta degli studenti dell'Itis contro la presenza dei topi in classe

L’ Eugenio Barsanti, ubicato a due passi da Fiat e Alenia, è uno degli istituti tecnici industriali più importanti della Campania ma la ricostruzione degli episodi avvenuti ieri e la scorsa settimana, fatta dai rappresentanti degli studenti, è di quelle che farebbero cadere le braccia praticamente a tutti. « Sia la settimana scorsa che lunedi mattina – raccontano i ragazzi – abbiamo trovato un gruppo di ratti che indisturbati si aggiravano per le classi ». La protesta è stata immediata. Ieri centinaia di iscritti alla scuola dopo essere entrati in classe hanno di nuovo guadagnato l’uscita nello spazio di pochi minuti. « I topi sono ancora lì, da giorni: non entreremo più fino a quando non faranno la derattizzazione », la decisione presa durante l’assemblea organizzata in fretta e furia nel cortile antistante l’istituto. Poi un gruppo formato da circa 150 studenti si è staccato per effettuare una sorta di corteo di protesta fino alla vicina sede dell’asl, l’azienda sanitaria locale, in piazza Sant’Agnese, sempre a Pomigliano. « Abbiamo chiesto ai medici dell’asl di intervenire » – ha fatto sapere ieri sera un esponente del comitato degli studenti – « ma non è stato effettuato nessun intervento per cui molto probabilmente non entreremo nemmeno martedi mattina ». Al Barsanti dunque è sciopero. I testimoni affermano di aver visto nella scuola ratti sia al pian terreno che al primo piano. Anche nei bagni. C’è una foto che “immortala” i topi, pelo nero e zampe chiare, mentre si nascondono dietro un cestino dei rifiuti di una toilette dell’istituto. L’immagine ha fatto il giro del web. Intanto i rappresentanti degli studenti hanno tentato di parlare con il preside, Mario Ponsiglione. « Ci è stato risposto che non c’era e che non ci sarebbe stato per tutta la giornata. Riproveremo martedi », spiegano ancora i giovani, tono piuttosto seccato. Resta il problema dei mancati interventi e del fatto che le lezioni ormai sono sistematicamente disertate dalla scorsa settimana a causa di questo evidente allarme igienico. Dulcis in fundo ci sono pure contrasti tra la dirigenza e gli iscritti, sempre però originati da disservizi. Il 2 dicembre scorso infatti il preside ha inviato un comunicato ai genitori degli studenti, accusati dal dirigente di assenza ingiustificata. Motivo: nella classi si battevano i denti perché i riscaldamenti non funzionavano. « Per questa ragione – ha scritto il preside nella nota – ho prorogato di un’ora l’ingresso a scuola, fino al ripristino del riscaldamento ». Una misura che comunque non ha convinto i ragazzi, che in gran parte hanno preferito non entrare. Ora però l’allarme è di quelli più gravi. Con i ratti non si scherza. E c’è chi è pronto a giurare che anche stamattina le lezioni saranno disertate. Ieri solo una minoranza degli studenti è andata regolarmente a lezione. La situazione continua quindi a scorrere sul filo della precarietà.