CONDIVIDI

Erano trenta erano le Aree Marine Protette (AMP) candidate al titolo di “area marina più amata d’Italia” nel concorso ASdoMAR. E a vincere su tutte, a settembre, è stato un fiore all’occhiello della costa napoletana: il “Parco Sommerso di Gaiola”. Uno scrigno di biodiversità e storia incastonato lungo la costa di Posillipo, a pochi passi dal centro cittadino, dove da dodici anni viene svolto un notevole lavoro di tutela e riqualificazione dell’area. Ma pochi giorni fa si è svolta la premiazione ufficiale. Una premiazione molto particolare, che si è svolta sott’acqua.

L’idea originale è venuta Maurizio Simeone, Presidente del Centro Studi Interdisciplinare Gaiola Onlus. E a consegnare sott’acqua il premio – un assegno di ventimila euro da investire in progetti di tutela e valorizzazione dell’area e 3.000 euro di attrezzature subacquee offerte dalla prestigiosa azienda SEAC SUB – è stato Giovanni Battista Valesecchi, Direttore di Generale Conserve, proprietaria del marchio ASdoMAR.

Una cerimonia molto particolare, quindi, che si è svolta sui fondali della Gaiola, ma che è stata seguita dal pubblico in live 3D, grazie a una speciale videocamera collegata in tempo reale, realizzata con il progetto “Sommergiamoci”. Una tecnologia pensata per consentire a chiunque di immergersi nel mare di Posillipo per osservare in tempo reale suoni, colori e forme degli abitanti del mare campano.

Ma, a ben guardare la classifica finale del concorso ASdoMAR, la Gaiola non è l’unica area marina protetta della Campania a comparire nell’elenco. Al secondo posto, subito dopo la Gaiola, si è piazzata l’AMP Punta Campanella, l’area amarina protetta più longeva della nostra regione, istituita nel 1997. Al terzo posto c’è la AMP Costa degli Infreschi e della Masseta, istituita nel 2009 all’interno del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Il podio dunque è tutto campano, ma il mare della Campania ha continuato a conquistare la top15. Ci sono infatti anche le AMP del Parco Sommerso di Baia, di Santa Maria di Castellabbate e il Regno di Nettuno, rispettivamente al quinto, nono e tredicesimo posto. La Campania ha fatto incetta di premi, superando persino una temibile rivale come la Sardegna, arrivata seconda con 5 aree marine protette in classifica.