Home Festa delle Lucerne Festa delle Lucerne 2018 – Il Servizio a cura de IlMediano.it

Festa delle Lucerne 2018 – Il Servizio a cura de IlMediano.it

180
0
CONDIVIDI

Boom di visitatori sull’antico borgo Casamale per la terza serata della Festa delle Lucerne che dopo tre giorni vede calare il sipario sull’edizione 2018. Una festa millenaria, di origine pagana che ha illuminato con migliaia lucerne le stradine e i vicoli dell’antico borgo regalando uno spettacolo incredibile ad oltre 40 mila persone accorse in tre giorni di cui 20 mila solo nella serata di domenica. Un week end ricco di tradizione, cultura e folclore per una festa che fa rivivere un antichissimo rito agricolo che si legge nelle scene di vita domestica contadina allestite all’ingresso dei vicoli. Tavole imbandite con persone vere o fantocci che aprono una vista prospettica verso una sequenza di forme geometriche in legno addobbate con migliaia di lucerne di coccio alimentate con olio, che fanno risplendere di luce i vicoli dell’antica terra murata.

Una litania femminile che si sprigiona dai tetti, come da tradizione ha accompagnato il passaggio della tradizionale processione della Madonna della Neve, che ha attraversato e toccato tutte le porte principali dell’ antico borgo. Dopo la messa la processione ha attraversato il Casamale a lucerne spente che si sono riaccese successivamente con l’ingresso di migliaia di visitatori in fervida attesa all’ingresso del varco di via Porta Terra. Lo staff della sicurezza ha disposto la chiusura del varco per consentire il tradizionale percorso della processione con la Madonna della Neve che è poi rientrata nella Chiesa Collegiata. Meraviglioso lo spettacolo pirotecnico ai piedi della chiesa vissuto con emozione dai migliaia di partecipanti all’evento. Cascate di fuoco, luci e colori hanno reso ancora più suggestiva ed emozionante la serata.

L’atmosfera magica della festa come sempre ha sedotto e affascinato i visitatori, uno tra tutti il Presidente della Regione  Campania, Vincenzo De Luca, giunto sul Casamale in concomitanza con la processione della Madonna della Neve. De Luca ha sostato pochi minuti nel giardino dell’Arci per incontrate lo staff e gli organizzatori e poi è stato accompagnato dal sindaco, e dalle istituzioni presenti lungo tutto il percorso delle lucerne.

Triangolo, quadrato, cerchio, esagono, rombo, forme geometriche avvolte da mille fiammelle che si accendono per esorcizzare un’antica paura, con giochi di luce che viene incanalata in una geometria prospettica con tenui riflessi ondulanti e il profumo dell’olio bruciato che si fonde con l’odore delle felci del Monte Somma, raccolte dai giovani per allestire il borgo. Così prende vita una spettacolare scenografia che è un tripudio di luci e colori che invadono i vicoli, le scale, i cortili che si popolano di visitatori incantati che percorrono le vie del borgo affascinati dagli archi e dai portoni in stile catalano, uno scenario perfetto che racconta la storia millenaria del luogo.

“La forza della Luce, la potenza del fuoco: Rigenerazione”, questo lo slogan dell’edizione 2018 della festa che, nonostante le difficoltà dovute alla pioggia che ha creato qualche piccola difficoltà logistica, ha registrato presenze record e un’organizzazione ben curata e attenta alle norme di sicurezza con la distribuzione di pass e ticket di ingresso per l’accesso al borgo controllato e scansionato in base alle presenze per un’alternanza di ingressi mirata ad evitare un sovraffollamento del borgo. Un sistema controllato e monitorato che ha garantito l’ottima esecuzione della festa nonostante qualche disagio presso i varchi di ingresso dove le attese sono state troppo  lunghe costringendo molti visitatori, scoraggiati dalle lunghe attese, ad andare via prima. Alla fine chi ha atteso con pazienza è riuscito a godersi la festa nel migliore dei modi e senza alcun intoppo.

Una notevole affluenza di visitatori è  stata registrata anche presso il Castello D’Alagno, che nell’occasione ha ospitato stand espositivi di prodotti tipici locali. E’ tempo di tirare le somme e i fare bilanci di una festa che nonostante qualche piccolo intoppo a cui bisogna ancora lavorare è sempre capace di regalare fantastiche emozioni e un’atmosfera magica grazie alla vita di un borgo che tornerà ad illuminarsi nuovamente per la prossima edizione della Festa delle Lucerne 2022.

Ecco il servizio della festa realizzato da Roberto Sica per il  Mediano.it: