CONDIVIDI

In questa intervista Pasquale Fuccio parla dei colloqui tenuti con il gruppo abruzzese.

 

Il nuovo investimento più importante degli ultimi anni nell’area a nord di Napoli si sta per concretizzare. Il gruppo Globo sta per sbarcare a Casoria con l’intenzione di riaprire, dopo cinque anni di chiusura, il primo centro commerciale napoletano più attrattivo della città metropolitana, l’ex Carrefour-Euromercato (datato 1978). Intanto l’altro giorno il sindaco di Casoria, Pasquale Fuccio, ha incontrato in municipio i sindacati e i lavoratori licenziati ex Carrefour per fare il punto della situazione. Al termine dell’incontro il primo cittadino si è concesso alla stampa. Con lui, durante l’intervista chiarificatrice su tutta quanta la questione strategica per l’economia locale e non solo, c’erano l’assessore al commercio Antonio Ricciardi, l’assessore alle politiche sociali Giulio Russo, l’assessore alla polizia municipale Fabio Esposito e i consiglieri comunali Ivan Ilardi, Nunzio D’Elia e Mauro Ferrara.

Sindaco, veniamo subito al dunque, come stanno le cose su Euromercato ?

Ho avuto un colloquio telefonico con Globo. La società ha confermato, pur non avendo alcun obbligo giuridico, di avere un’attenzione verso il problema degli ex Carrefour. Io a mia volta ho chiesto all’azienda di prestare attenzione ai lavoratori ex Carrefour nelle scelte: se non tutte sul nuovo ipermercato Globo almeno sull’intero investimento.

Cosa succederà quindi nel prossimo futuro ?

Ho invitato Globo a partecipare a un nuovo tavolo a settembre. A ogni modo mi preme sottolineare che le posizioni dell’amministrazione comunale e dei lavoratori in cerca di nuova occupazione sono coincidenti. Noi ringraziamo Globo ma Globo deve considerare prioritaria la scelta occupazionale puntata sugli ex Carrefour.

Sindaco Fuccio, può dirci qualcosa del piano industriale e del suo impatto occupazionale ?

Globo acquisirà tutto il capannone di via ex Circumvallazione. L’investimento è su una superficie di 18mila metri quadrati. Di questi 9mila saranno dedicati al punto vendita della società (abbigliamento, calzature e affini, ndr ) mentre gli altri 9mila metri quadrati saranno suddivisi in quattro lotti di attività non ancora pianificate. In una di queste, presumibilmente, ci sarà un’attività di distribuzione alimentare. Le assunzioni previste sono 112 per il punto vendita della Globo. Poi ci sono quelle che riguardano tutto il resto, gli altri lotti, la vigilanza, le aree esterne, la manutenzione, i parcheggi, eccetera.

Sa in che modo saranno effettuate le assunzioni e che tipo di contratti saranno attivati ?

Questo ovviamente non è un argomento di competenza dell’amministrazione comunale, che giustamente, dico io, non deve intromettersi nelle decisioni che sono di esclusiva competenza delle aziende. Dobbiamo tenere presente che oggi anche gli imprenditori hanno le loro difficoltà. Noi comunque chiederemo quanta più stabilità possibile per i lavoratori. Ma, lo ripeto: non potremo essere noi a stabilirlo“.

Che cosa si aspetta dalla Regione Campania ?

“Siamo convinti che la Regione possa supportare questo nuovo investimento rendendo tutto meno faticoso. L’istruttoria del comune di Casoria è ben fatta. La Regione dal canto suo ha posto alcuni problemi urbanistici. Si tratta di rilievi che hanno fondamento. Ma stiamo lavorando per superarli”.

Per quando Globo intende riaprire l’ex Euromercato ?

Il loro obiettivo era dicembre. Ma credo che i tempi siano variabili.

     

Casoria, il presidio di mercoledi dei lavoratori ex Carrefour davanti al municipio
Casoria, il presidio di mercoledi dei lavoratori ex Carrefour davanti al municipio