CONDIVIDI

Ieri il sindaco, Raffaele Lettieri, ha assaggiato i primi pasti tra i bambini delle scuole materne.       

Il servizio di refezione scolastica mancava da tre anni ad Acerra, da quando una guerra a colpi di carta bollata tra le ditte che volevano accaparrarsi l’appalto aveva fatto interrompere tutto. Da allora si è creato un vuoto intollerabile, una carenza che ha costretto insegnanti, collaboratori e, soprattutto, i genitori dei bambini a fare i salti mortali per consentire il tempo prolungato nella scuole materne. A ogni modo l’incubo è finito. Ieri il sindaco, Raffaele Lettieri, ha messo a segno un ottimo punto a favore della sua amministrazione inaugurando tra i bambini della scuola materna del primo circolo didattico, nel rione Ice Snei, il nuovo servizio di pasti preparati. Ha assaggiato insieme ai bambini un po’ di pasta al pomodoro. Bimbi che hanno anche voluto fare il bis.  Ieri con Lettieri c’erano la responsabile del servizio scuola del Comune di Acerra, Rita Romano, la dirigente scolastica Filomena Zullo e alcune rappresentanti delle mamme. Secondo quanto fatto sapere dall’ufficio stampa del Comune di Acerra “è terminato un lungo iter amministrativo che ha visto la gara d’appalto per l’aggiudicazione del servizio, effettuata dalla stazione unica appaltante del Provveditorato alle opere pubbliche di Campania e Molise, ritardare a causa di ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato delle ditte partecipanti”. Sempre secondo quanto fatto sapere dalla municipalità nessun ritardo è addebitabile all’amministrazione Lettieri perchè ” in tutto questo periodo è stata netta la presa di posizione della giunta, che ha messo in bilancio sin dal primo anno le somme necessarie al servizio “.