CONDIVIDI

Manifesto pubblico a firma degli azzurri che ironizzano sul presunto ruolo del consigliere regionale Carmine Mocerino come Deus ex Machina dell’amministrazione e delineano scenari disastrosi.

“La Piccol:Amministrazione Mocerino”. Basterebbe il titolo per capire quale sia la considerazione degli oppositori nei confronti della non ancora nata giunta di Pasquale Piccolo. E che ci sia qualche problema, giacchè l’elezione del neo sindaco risale ormai a più di un mese fa appare lampante pure ai sassi, figurarsi ai cittadini e ancor prima alla minoranza. Perciò Forza Italia prova a fare pressing, invocando ad horas la nomina dell’esecutivo: “Mentre la confusa maggioranza si divide sugli incarichi e sugli assessorati, il gruppo consiliare di Forza Italia ribadisce la necessità di formalizzare la giunta comunale necessaria a riprendere il percorso amministrativo”.

“L’attuale stallo delle trattative (con dichiarazioni alla stampa, subito dopo le elezioni, Piccolo assicurò che i tempi sarebbero stati brevi) – proseguono i consiglieri azzurri -ed i veti posti dall’azionista di maggioranza dell’amministrazione (Udc) stanno già provocando ingenti ed immediati danni alla città”. Vediamoli questi danni, secondo l’opinione di Forza Italia: totale immobilismo dell’azione amministrativa, tanto per cominciare; notevole ritardo sull’approvazione del bilancio di previsione dell’anno in corso; notevole ritardo sull’approvazione delle tariffe IUC che -dicono gli esponenti Fi – “provocherà l’aumento delle imposte locali”.

“Vecchio e deprecabile modo di gestire la cosa pubblica, fatto di personalismi e individualismi – lo definisce Forza Italia i cui consiglieri assicurano che loro continueranno, invece, ad impegnarsi “nell’esclusivo interesse di tutti i cittadini sommesi”.