fbpx
lunedì, Maggio 23, 2022

Portici. Primo giorno di reggenza del vicesindaco Provitera

Dopo le dimissioni del sindaco Cuomo, abbiamo ascoltato il dott. Provitera che ci ha aggiornati sulla nuova ripartizione di deleghe degli assessori.

L’8 ottobre fa, Enzo Cuomo ha dato le dimissioni dalla carica di sindaco; è iniziato, così, il periodo di 20 giorni in cui si ha la facoltà di tornare ad occupare la poltrona di primo cittadino; dopodiché, viene nominato un commissario prefettizio, organo monocratico di amministrazione straordinaria del Comune, che, eventualmente, accompagnerà la Giunta alla naturale scadenza del mandato.

Per questi 20 giorni vacanti, il sindaco per legge deve nominare un reggente: la sua naturale scelta è caduto sul vicesindaco, il dott. Bruno Provitera, medico, vicepresidente nonché presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Portici Campus. Oltre ad essere assessore al Turismo, ora ha ricevuto dal sindaco anche l’assessorato alla Cultura, precedentemente competenza di Cuomo. L’abbiamo incontrato nella casa Comunale di via Campitelli, per farci raccontare il suo primo giorno di reggenza.

Dott. Provitera, com’è andata la prima giornata?
«È stato un giorno di ordinaria amministrazione, dove ho espletato le normali funzioni del sindaco. Oltretutto, è troppo presto perché la gente abbia già avuto la percezione del cambiamento ai vertici del Comune».

Ci sono stati cambiamenti in Giunta?
«Non molti: praticamente gli assessorati sono stati rimasti assegnati nello stesso modo, e non c’è stata l’annunciata introduzione della quota rosa, che avrebbe dovuto portare in Giunta un assessore donna. Gli unici cambiamenti sono dovuti alla necessaria ripartizione delle deleghe di competenza del dott. Cuomo: quella alla Cultura, è stata data a me; quella allo Sport nonché alle politiche Giovanili, all’assessore Duraccio, che aveva già la delega alla Sicurezza; quella delle Politiche per gli Anziani, è andata all’assessore Santomartino, e si aggiunge così alla delega per l’Ambiente.
Quasi un super assessorato, è quello andato al giovane Fernando Farroni: alle deleghe al Personale e ai Rapporti con i cittadini, si aggiungono quelle all’Avvocatura, al Bilancio e ai Tributi».

Ultime notizie
Notizie correate