fbpx
giovedì, Dicembre 2, 2021

Marigliano, Fumate nere e inquinamento ambientale

Il Movimento 5 Stelle anastasiano in tour tra inquinamento ambientale e roghi tossici. L’ultimo enorme rogo risale a poche ore fa a Marigliano

Ancora roghi ai piedi del Monte Somma. A Marigliano, località “La vasca”, nei pressi del campo sportivo, alle ore 12 circa, un denso fumo nero segnalava il luogo dell’incendio. Prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco, hanno chiesto rinforzi data la vastità dell’area interessata.
Il fuoco, probabilmente nato nell’erba secca, si è propagato ed ha interessato anche le attrezzature di un’azienda agricola che, purtroppo, sono state irrimediabilmente danneggiate.
Sconosciuta l’origine del fuoco, anche se, la discesa della temperatura, a seguito dell’influenza di una perturbazione nord-occidentale, farebbe escludere l’autocombustione.

Sul lato opposto del canale, quindi separato dal primo, un altro focolaio divora le sterpaglie.
D’altra parte, tutto intorno, residui di precedenti fuochi, farebbero pensare ad una maldestra (e scellerata) pratica di far pulizia.
IL suolo bruciato, ormai privo di vegetazione e libero alla vista, mostra quanto la mano umana riesce ad intervenire danneggiando: calcinacci, lattine di ferro, bottiglie di vetro; per altro in un posto servito solo da una stretta viuzza.

Al centro della “vasca”, fanno mostra di sé una decina di copertoni di auto, segno evidente che sono stati messi li successivamente all’ultimo incendio.

Industria Pasquale
MoVimento5stelle Sant’Anastasia

Ultime notizie
Notizie correate