CONDIVIDI

Solo un numero limitato di persone in presenza per l’evento di presentazione del libro «Le guarigioni di Gesù – le parole, i luoghi, i gesti» di padre Gianpaolo Pagano e Luigi De Simone. L’appuntamento è per le 18, 30 di sabato 20 febbraio, nella sala capitolare dove, per le norme anti – Covid, soltanto in pochi potranno accedere ma la diffusione sarà garantita dalla diretta tv su VideoNola, emittente campana che trasmette sul canale 88 del digitale terrestre e sui rispettivi canali YouTube e Facebook, in condivisione con l’edizione Cantagalli. 

Il dibattito sull’opera del domenicano padre Pagano e del dottore Luigi De Simone, psichiatra, scrittore e regista teatrale, sarà moderato da Mariangela Parisi, responsabile della comunicazione della Diocesi di Nola e vi prenderanno parte Sua Eccellenza Monsignor Francesco Marino, Vescovo di Nola, il priore provinciale dei Domenicani del Sud Italia, padre Francesco La Vecchia, oltre che – in diretta da Lourdes – Alessandro De Franciscis, président du Bureau des Constatations Médicales de Lourdes, autore della postfazione del libro.

«Le guarigioni di Gesù» è un “viaggio” in Terra Santa sui passi di Gesù guaritore: i suoi primi gesti a Cafarnao, la sua attività taumaturgica in Galilea, i prodigi compiuti nelle regioni vicine, le poche ma importantissime guarigioni operate a Gerusalemme. Gli autori fanno sì che l’attenzione si focalizzi sulle 17 guarigioni compiute da Gesù e raccontate dagli evangelisti, aiutando il lettore a conservare nel medesimo sguardo lo spessore umano dell’uomo di Galilea e il potere salvifico del suo ministero profetico, la compassione dell’uomo e la potenza del Cristo figlio di Dio, la sua capacità affettiva di entrare in relazione con i sofferenti e il suo potere di redentore che dona una vita oltre la malattia e oltre la morte. Il tutto impreziosito da indicazioni geografiche, storiche ed esegetiche. «Perché – spiegano gli autori – le guarigioni di Gesù descritte nei Vangeli sono sempre interventi di Dio nella storia dell’uomo e sono pur sempre dall’uomo raccontati e mediati».