CONDIVIDI

I don’t need no booze or drugs
I just chug-a-lug-o my coffee mug
And I don’t need your kiss and hug
I just chug-a-lug-o my coffee mug

 ("Non mi servono alcol o droghe,
mi basta bere tutto d'un sorso dalla mia tazza di caffè
Non mi servono il tuo bacio e il tuo abbraccio,
mi basta bere tutto d'un sorso dalla mia tazza di caffè")
Coffee Mug dei Descendents

 

 

Il caffè letterario non è soltanto il luogo per ricordarsi di quella volta al mare o raccontare la giornata agli amici, ma è quel connubio di odore di libri vecchi e luci soffuse di sera che genera l’atmosfera, che descrive la serie che guarderemo insieme nelle prossime settimane. Un po’ ricordandoci dell’atmosfera che si crea tra le pareti del Central Perk di Friends, si viene a creare la dinamica che spinge questa storia a mettere in scena quel luogo di incontro per accrescere più che il pettegolezzo come ad un normale bar (ma questo non è proprio vero e lo vedremo più avanti), la propria cultura. Un “locus amenus” in cui il sorseggiare caffè e tisane ha il fascino di essere accompagnato dalla lettura di un libro e da esposizioni artistiche.

Ci siete mai stati? Avete mai sentito come vostro il clima che si crea in un ambiente dove è l’arte a fare da padrona?

Immaginiamo i protagonisti di un mondo fittizio: Emma, la proprietaria di un bar  e tutti i suoi amici. Una cameriera che non si fa i fatti suoi, un musicista non ancora realizzato, una fotografa freelance e un poeta.

È questa la trama di Coffee Time, una serie di cui prender nota. Creata, diretta e prodotta da Sara Borrelli, originaria di Sant’Anastasia, con la collaborazione di gruppi di produzione in erba come StepOne Production e la ex Polisnea (associazione culturale cinematografica).

Ad accompagnarla in questo viaggio vi saranno giovani attori locali, che tra lavoro, università ed impegni vari, hanno preso parte al progetto, investendo per un mese e mezzo ‒ da metà febbraio ad aprile 2019 ‒ le loro energie.

La trama della webserie si incentra sulle storie dei protagonisti, che si intrecciano tra un caffè e una nuova canzone, a tal punto da crearne delle nuove. Dalla cameriera Erica (Francesca Luna Barone), follemente innamorata di Marco (Micheleangelo Grimaldi), cantante dei Guinness, una band spesso cliente al caffè, che non farà altro che cercare di scoprire cosa c’è dietro la facciata burbera di Lorenzo (Federico Faccetta), fino a Roberto (Michele Capone) che cerca di far innamorare Celeste (Ramona Laviano) di lui. Emma (Sara Borrelli) cerca in tutti i modi di far andare tutto per il meglio, giustificando le reazioni entusiastiche della sua cameriera e l’ignoranza sul caffè di molti clienti. Questa diventerà particolarmente amica della fotografa Victoria (Valeria Angione), la quale sarà l’unica ad aprire il cuore del giovane Lorenzo.

Questa avventura letteraria e di chicchi di caffè è stata girata a Palazzo Venezia a Napoli, nel caffè letterario l’ ’A ‘mbasciata.

Vi lasciamo qui il trailer della serie, prossimamente su Youtube.