Furti di marmitte, ladri a caccia del palladio

0
625

Ritornano i furti di marmitte e di palladio a Napoli e provincia.

L’episodio più recente è avvenuto questa notte a Fuorigrotta intorno all’una circa ma la dinamica non è quella a cui siamo abituati né quella utilizzata nelle zone del Vesuviano negli ultimi mesi. Invece di smontare i vari pezzi da rubare, infatti, ora i ladri preferiscono utilizzare un modus operandi veloce ed efficace: la marmitta viene legata tramite una corda o una catena ad un’auto che poi accelera e la strappa letteralmente al veicolo a cui appartiene. È proprio quello che è accaduto ad una Smart in sosta a Fuorigrotta la scorsa notte, in cui i Carabinieri sono stati allertati sul posto per furto e si sono trovati proprio nel bel mezzo dell’azione criminale. I ladri a bordo di una panda erano due ma uno è riuscito a sfuggire alle autorità.

Secondo i Carabinieri, però, l’obiettivo dei malviventi non era la marmitta bensì il palladio che, pare, stia diventando una delle cose più ricercate dai ladri di turno. Non si tratta dunque di mercato nero di pezzi di ricambio di auto ma di un metallo, il palladio, che viene estratto in piccole quantità e rivenduto anche a 100 euro a pezzo.

Questa tecnica sbrigativa per i ladri porta a danni ancora maggiori per le auto a cui vengono sottrattati i pezzi proprio perché non smontati dall’autovettura ma strappati violentemente per impiegare meno tempo.