Home Avvenimenti Brusciano, Antonio Cipollaro tra i nuovi Cavalieri del Lavoro

Brusciano, Antonio Cipollaro tra i nuovi Cavalieri del Lavoro

822
0
CONDIVIDI

Antonio Cipollaro è il bruscianese al quale il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito la “Stella al merito del lavoro”. Sessantanove i campani ai quali domani sarà consegnata l’onorificenza.

Cipollaro, 61 anni, originario di Napoli e residente a Brusciano da 31 anni, è un operaio specializzato. Lavora nello stabilimento di Pomigliano di Ge Avio dal 1985. Con lui, sono stati insigniti del titolo di “Maestro del Lavoro” anche due colleghi, uno di Castello di Cisterna, Ernesto Esposito, e l’altro di Giugliano, Domenico Panico.

“Per singolari meriti di perizia, laboriosità e moralità acquisiti durante il corso della sua attività lavorativa”. Questi i motivi che hanno spinto il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a proporre per Antonio Cipollaro il conferimento della “Stella al merito del lavoro”. Domani sarà consegnata la decorazione. La cerimonia si terrà a partire dalle 11 presso il complesso universitario di San Giovanni a Teduccio dell’Università Federico II.

“Mi ha fatto molto piacere, per una questione morale. Ho fatto sempre il mio dovere. E non mai sono stato uno zerbino: sono iscritto alla Fiom e quando si è scioperato io ci sono sempre stato”, ha commentato Cipollaro. Il lavoratore ha espresso rammarico per il comportamento assunto in quest’occasione dall’amministrazione comunale di Brusciano: “Nonostante sia stata informata, nessuno si è fatto sentire. Ci sono rimasto male come cittadino, perché in un momento in cui Brusciano è molto discussa per sparatorie, bombe e spaccio di droga, non si parla di un evento positivo come questo. Credo di essere un esempio per miei figli e la mia famiglia, e potrei esserlo anche per la cittadinanza”. A Brusciano una “Stella al merito del lavoro” era stata conferita nel 1999 a Pasquale Giannino.