Acerra, gli sponsor consegnano al comune un furgone per i disabili

0
1174

Il veicolo per il  trasposto di chi è in difficoltà motoria è ora a disposizione dei servizi sociali.

L’idea è stata di quelle che danno risultati concreti.  Dare il via alla sponsorizzazione, da parte di imprenditori privati, di  alcune funzioni del servizio sociale comunale ad Acerra ha infatti subito dato frutti che si toccano. Ecco il fulcro dell’ultima iniziativa. Alcune aziende hanno versato le loro quote per ottenere la pubblicità con i loro nomi su un furgone immaginato dal comune per il trasporto dei diversamente abili. Grazie alla raccolta delle quote è stato quindi possibile da parte della municipalità acquistare il veicolo.

E’ dotato di ogni comfort per i portatori di handicap, può trasportare 9 persone ed è stato consegnato stamane, con un cerimonia nel Castello Baronale a cui hanno partecipato anche gli imprenditori che hanno contribuito all’acquisto del mezzo,     oltre al sindaco Raffaele Lettieri, al vicesindaco Tito D’Errico, al presidente della commissione comunale per i servizi sociali, Vincenzo Iorio. Dunque, con la consegna del pulmino per i diversamente abili ai servizi sociali del comune di Acerra è entrato nella fase operativa il progetto di mobilità sociale “Liberi di essere, liberi di muoversi”. Il progetto del Comune nasce dalla collaborazione tra la Giunta Lettieri e la società lombarda Mobility life per favorire la mobilità di anziani, ragazzi svantaggiati, persone in stato di difficoltà e con problemi motori, ma anche per favorire l’assistenza domiciliare.

Durante la cerimonia gli esponenti della giunta hanno descritto le caratteristiche di questo modo innovativo di attrezzare i servizi pubblici. «Iniziamo un percorso che in futuro speriamo possa dare ulteriori frutti – ha spiegato il Sindaco di Acerra Raffaele Lettieri-. Garantire servizi senza incidere sui conti dell’ente e conseguentemente senza pesare sui bilanci delle famiglie è la nuova frontiera degli enti locali. Ben venga il coinvolgimento dei privati, la collaborazione tra le istituzioni e gli imprenditori, visto che il fine è il perseguimento di una finalità sociale».

«Siamo una comunità matura che si muove per chi ha maggiore necessità – ha ribadito il vicesindaco e assessore ai Servizi sociali Tito D’Errico -. Per noi amministratori, questi sono momenti che ci danno forza. Oggi siamo particolarmente orgogliosi di essere acerrani». Il presidente della commissione consiliare politiche sociali Enzo Iorio ha ringraziato « tutti coloro i quali si sono prodigati per questo progetto che trova sbocco dopo tanto lavoro anche in commissione. Si tratta sicuramente di gesti concreti per migliorare la vita a chi è in difficoltà».