CONDIVIDI

Il Busen saluta l’anno sportivo appena conclusosi con la tradizionale Festa per le consegne dei Diplomi e delle Cinture di Judo. Il convento delle Suore Trinitarie ha ospitato l’evento.

Un intenso anno sportivo si è appena concluso per la Società Sportiva Busen Club Marino, di Somma Vesuviana. Un anno che ha visto impegnati atleti ed insegnanti dal settore della ginnastica artistica al pilates ai balli caraibici, dal taekwondo alla cultura fisica al judo.
Un anno ricco di allenamenti, trofei e gare, affrontato con grinta e determinazione da grandi e piccoli, coinvolgendo anche tantissimi genitori che da sempre sostengono ed incoraggiano sia i propri cari sportivi che i Maestri della palestra.
Il Busen Club Marino, infatti, grazie agli oltre quarant’anni di attività rappresenta una realtà ben radicata sul territorio e sono molte le collaborazioni con le associazioni locali per la promozione di manifestazioni che in molti casi esulano dal mero campo sportivo e che toccano aspetti diversi della società e della vita di ciascuno.
Uno degli esempi più recenti di vicinanza e collaborazione con gli enti del territorio è rappresentato dalla consuetudinaria Festa per la consegna dei Diplomi e delle Cinture di Judo che quest’anno ha avuto luogo presso gli accoglienti spazi del Convento delle Suore Trinitarie di Somma. Una manifestazione che ha coinvolto i tanti piccoli judoka del Busen che, dopo duri allenamenti, hanno finalmente ricevuto la cintura di livello superiore.
«La cerimonia della “Consegna delle Cinture”, molto attesa dai piccoli “samurai”, è coincisa con la chiusura delle attività agonistiche del primo semestre dell’anno sportivo – ha commentato soddisfatto il Maestro Salvatore Iovine, Amministratore del Busen – Un anno che ha visto, ancora una volta, i nostri giovani competere in gare nazionali e tornei internazionali, ricerche e stage di aggiornamento. È proprio vero che i nostri judoka hanno il borsone sempre pronto per la prossima gara: quest’anno hanno viaggiato da Nord a Sud, dal Torneo della Città di Colombo a Genova a quello di Catania passando per Martina Franca e Riccione. A conclusione di tutto ciò c’è stata questa Festa. Le Suore Trinitarie ci hanno ospitato nel loro convento con grande gioia nostra, dei piccoli judoka e di tutti gli accompagnatori e i genitori che hanno potuto apprezzare la bellezza del luogo e la gentilezza delle Suore. Noi, da parte nostra, abbiamo collaborato con il Convento in precedenti manifestazioni e alcuni dei nostri atleti frequentano la scuola dell’istituto per cui ci si è sentiti tutti a casa».
«Siamo state davvero felici di aprire le nostre porte a questi piccoli sportivi – ha commentato Suor Maria Lucia, Madre Superiora del Convento – I valori e i principi che noi tentiamo di diffondere con il nostro impegno ben si incontrano con i valori e i principi promossi dal Busen e per questo abbiamo accolto con gioia la manifestazione».
«Se c’è condivisione di valori riusciamo a fare tutti cose importanti per l’intera comunità – ha continuato Suor Assunta – Quando si tratta di lavorare con i giovani per il loro bene e per garantirgli un futuro migliore noi siamo sempre pronte».
«Il nostro impegno è volto soprattutto a fare rete con le associazioni del territorio – ha concluso il Maestro Iovine – Il nostro lavoro mira non solo a formare fisicamente i nostri giovani, ma soprattutto a contribuire alla loro crescita intellettuale. E già possiamo dire che, in questo senso, quello che ci aspetta sarà un semestre ancora più intenso e ricco di iniziative».