Apaticamente

0
156

Apaticamente mi incammino verso la fine di questo campionato, seguendo le orme di un Napoli che va a tentoni.

Dopo il deludente risultato contro il Milan, dopo una partita dalla quale il Napoli avrebbe potuto sperare di più, tocca al Genoa di Gilardino ricordare agli azzurri che la situazione del Napoli è ancora poco lucida. Il Napoli non può che guidare nel possesso, ci prova, arriva alla conclusione. Ma subisce le folate avversarie, e Meret deve saltare 2 volte per agguantare il pallone. Kvara è la luce azzurra, spesso si incaponisce, è vero, ma è l’unico che con i suoi dribbling può far cambiare la direzione della partita. Ma è il Genoa a passare in vantaggio, con Frendrup, arrivato indisturbato a rimorchio. Senza un attaccante realmente efficace, il Napoli prova a mettere gli uomini dentro l’area e a buttarla in mezzo. Cross di Olivera, sponda di Di Lorenzo, e Ngonge si ripete, è il pareggio. Il belga non è sempre preciso, ma oggi mette di nuovo la sua firma sulla partita. Invece, il suo compagno Lindstrom, anch’egli subentrante, non incide affatto. Sfortunamanente, apaticamente, ci dobbiamo accontentare di un pareggio.

Apaticamente guardiamo al futuro imminente, aspettiamo la partita contro il Barcellona. Si accendono le luci europee, dalle quali il Napoli si sta nascondendo. Apaticamente, non posso aspettarmi nulla dalla prossima partita.