CONDIVIDI

Dal consigliere Vincenzo Piscitelli (Somma Futura), a proposito della polemica nata dal manifesto che accusava il collega Pasquale Di Mauro (L’Aurora) di aver garantito il numero legale alla maggioranza nell’ultimo consiglio comunale (leggi qui) e nel cui merito lo stesso Piscitelli aveva già replicato (leggi qui) seguito da un intervento video del consigliere di maggioranza Peppe Nocerino (condiviso qui sulla pagina facebook del mediano.it), riceviamo e pubblichiamo.

Gentile direttore,

ho letto messaggi e post di esponenti politici e di personaggi che girano intorno alla politica sommese, i quali ci invitano a presentare, vista la situazione, una mozione di sfiducia al sindaco. Devo precisare in proposito che noi abbiamo constatato, nell’ultimo consiglio comunale, che al sindaco è mancata la maggioranza e che in aula erano presenti soltanto dodici suoi consiglieri. Quando lo abbiamo fatto notare, alcuni esponenti di spicco di Svolta Popolare, con molta spavalderia, ci invitavano ad uscire dall’aula, tanto sapevano bene che la maggioranza ce l’avevano lo stesso. Tanto è vero che poi, questa pseudo maggioranza, o meglio questo numero legale, si è rivelata tale.

Noi, intanto, non prendiamo lezioni da nessuno, né da destra né da sinistra, né soprattutto da coloro i quali hanno votato questa maggioranza e se ne stanno pentendo amaramente. Mi riferisco, per esempio, ad alcuni esponenti del Pd. La crisi politica che vive questa maggioranza non è di oggi né dell’altro giorno, tanto è vero che il sindaco ha perso due consiglieri comunali (ndr Maria Rosaria Raia, Andrea Scala), passando da 16 a 14, lui compreso e che, inoltre, sono ormai due consigli comunali che la consigliera Luisa Carmen Feola è assente, forse – e dico forse – per controversie interne, tanto è vero che nell’ultima seduta in cui era presente lei, il consigliere Nocerino e lo stesso sindaco, se ne sono dette di tutti i colori. Quello che voglio precisare è la mia intenzione: rendere noto alla cittadinanza che un consigliere di opposizione, Pasquale Di Mauro, ha mantenuto il numero legale alla maggioranza Di Sarno, punto. La crisi politica dura ormai da un anno, da quando due consiglieri di maggioranza sono passati all’opposizione, questa cosa hanno cercato di farla passare sotto banco cercando di velarla e devo dire che anche noi non abbiamo attribuito alla cosa l’importanza dovuta. Questa crisi politica si manifesta ogni qual volta il sindaco deve votare qualcosa e ha un numero risicato, così facilmente ricattabile dal punto di vista politico. Imbarazzante poi notare come persone che hanno votato il sindaco al ballottaggio ci invitano oggi a porre in essere una mozione di sfiducia quando questa non è all’ordine del giorno. Ci saranno altre occasioni in cui si manifesterà questa situazione di numero precario e a quel punto vedremo come si atteggerà la maggioranza su argomenti importanti, quando qualche consigliere si farà venire “il mal di pancia”. Per il momento, “va tutto bene”».

Vincenzo Piscitelli