Somma Vesuviana, al Secondo Circolo “Don Minzoni” prende il via la rassegna “Facciamo scienza a scuola”

0
1055

Quando la scuola porta i suoi alunni fuori dal perimetro dell’aula e, aprendosi al territorio, crea ambienti di apprendimento inediti, l’esperienza non può che generare interesse ed emozione, stupore e meraviglia.

 

E’ quello che è successo qualche sera fa presso il  2° Circolo didattico Don Minzoni di Somma Vesuviana: in occasione dell’inaugurazione della rassegna Facciamo scienza a scuola, i bambini delle classi quarte e quinte si sono resi protagonisti di uno stimolante dibattito con Laura Vaioli, autrice di Ciao Socrate! La filosofia raccontata ai ragazzi, per Salani editore.

Nella cornice dell’auditorium della scuola, gremito come per le grandi occasioni, è stata la filosofia la protagonista del primo degli incontri della rassegna, che affronterà, nel corso dell’anno, temi di letteratura, storia, archeologia, arte, discipline STEM, dibattiti di scienza intesa come conoscenza, utili a stimolare riflessioni e curiosità, meraviglia e spirito critico, quanto mai indispensabili in questo preciso momento storico, soprattutto per le giovani generazioni.

La presentazione del volume di Laura Vaioli, introdotto da Annamaria Pianese dell’associazione I colori della poesia, letto e commentato con grande interesse dai bambini del Circolo didattico, si è rivelata un vero successo: domande, curiosità, letture e canzoni a tema hanno vivacizzato la serata, animata, oltre che dai bambini, dalle maestre e dall’autrice, anche dagli esperimenti filosofici del professore Angelo Papi, docente di filosofia del Liceo Torricelli, nonché attento studioso e simpatico mattatore dell’evento.

Non è mancato l’apprezzamento da parte del pubblico, anche del Sindaco Salvatore Di Sarno, che ha auspicato nuovi incontri-dibattito di questo tipo, capaci di distogliere i bambini dalla consuetudine pomeridiana, ma al tempo stesso di restituire uno sguardo nuovo sul mondo circostante, attivando capacità critiche e creative.

Soddisfatta dell’entusiasmo della serata la Dirigente scolastica Silvia Svanera, che ha fortemente creduto nell’importanza dell’apertura al territorio e che sta profondendo tutte le sue energie affinché i bambini della scuola possano sperimentare nuovi approcci metodologici, affacciarsi al mondo della scienza da una prospettiva differente da quella del solo libro di testo e godere del bello che si può ancora trovare intorno a loro, distogliendo appena lo sguardo dai dispositivi digitali.

“Questa è la scuola che ci piace e di serate come questa ne vivremo tante”, promette la Dirigente Svanera, dando appuntamento al pubblico alla prossima iniziativa di dicembre.